Slitta udienza su adozione bimbo di Madonna

Il piccolo David Banda, fu prelevato dal Malawi dalla cantante nel 2006. Il giudice doveva trasformare l’affidamento temporaneo in adozione definitiva.

Gli assistenti sociali l’hanno definita una "mamma meravigliosa", ma questo non è servito ad accellerare le pratiche per l’adozione del bimbo del Malawi che Madonna ha "prelevato" dal suo paese nel 2006. Il giudice che dovrà decidere sulla sorte del piccolo David Banda, Andrew Nyirenda, doveva pronunciarsi oggi sulla questione, ma il tutto è slittato perchè un gruppo per i diritti umani ha presentato una petizione in merito alla mancanza di leggi sull’adozione del Malawi. Il gruppo, tuttavia, ha sottolineato che non intende "contestare" l’adozione.

"Lo slittamento sulla formalizzazione dell’adozione è colpa di un vuoto legislativo", ha spiegato Alan Chinula, legale della cantante e "la decisione non sarà presa prima della prossima settimana". Il padre di David, originario della regione del Mchinji, vicino al confine con lo Zambia, ha dato il suo assenso all’adozione perché il bambino possa fuggire alla miseria, ma lunedì ha chiesto alla popstar di riportare suo figlio a casa per delle visite.

Madonna, nel frattempo, volerà a Cannes per affiancare Sharon Stone nella presentazione del galà dell’AmFar, che raccoglie fondi per la ricerca sull’Aids. Durante il festival, che sarà presieduto dall’ex marito Sean Penn, presenterà il documentario ‘I am because We are’, dedicato agli orfani dell’Aids in Malawi.

Ti suggeriamo anche  Ivano Marino condannato per stalking, minacciava il nuotatore Alex Di Giorgio: 'dirò che sei gay'