Gus Kenworthy: ‘Avrei voluto fare coming out a Sochi 2014’

Al periodo stava con un ragazzo e aveva immaginato la scena di portarlo con lui sul podio e baciarlo davanti a tutti, lasciando che fossero i gesti a parlare.

Gus Kenworthy, in una divertente e rilassata intervista da Conan O’Brien,  ha rivelato particolari riguardo al suo coming out e al suo quasi coming out del passato.

Gus Kenworthy, che è stato il primo atleta Olimpionico a fare coming out (nell’Ottobre 2015…pensate…), ha parlato delle Olimpiadi Invernali di Sochi 2014 e ammette che avrebbe voluto fare coming out proprio in quell’occasione. Al periodo stava con un ragazzo e aveva immaginato la scena di portarlo con lui sul podio e baciarlo davanti a tutti, lasciando che fossero i gesti a parlare. Dice, scherzosamente, a Conan O’Brien:

Sapevo che a Sochi c’era una situazione difficile, in cui consigliavano ai gay di non comportarsi come tali in quanto pericoloso e pensavo “è ridicolo”, anche se, effettivamente, ero il primo ad essere non dichiarato ed è proprio per quello, per quel regime cosi antigay che volevo fare questo gesto. Alla fine non me ne sono pentito perchè non lo avevo detto ancora a nessuno, e sarebbe stato forse un po’ troppo sconvolgente.

gus_kenworthy_gif

Se Gus Kenworthy l’avesso fatto …beh… sarebbe stata una cosa davvero EPICA. Si, col maiuscolo.

 

 

Ti suggeriamo anche  Human Rights Watch: la Tanzania nega il diritto alla salute per le persone LGBT
Storie

Milano Pride 2020: un ALTRO PRIDE nella forma ma non nella sostanza

L’edizione 2020 di Milano Pride sarà contraddistinta da un programma di eventi virtuale che contribuirà attivamente alla ripresa della città con un’attività di fundraising.

di Federico Boni