Il fotografo dei corpi immagina un circo come non lo abbiamo mai visto, dove al posto degli animali ci sono gli uomini e i clown causano un effetto diverso dalla classica risata. Ti suggeriamo anche  La toccante storia dietro la fotografia che svelò al mondo il dramma dell’AIDS

Il circo dei peccatori secondo Justin Monroe 1/6 Il circo dei peccatori secondo Justin Monroe
Foto 1 - Il fotografo dei corpi immagina un circo come non lo abbiamo mai visto, dove al posto degli animali ci sono gli uomini e i clown causano un effetto diverso dalla classica risata.
Il circo dei peccatori secondo Justin Monroe 2/6 Il circo dei peccatori secondo Justin Monroe
Foto 2 - Il fotografo dei corpi immagina un circo come non lo abbiamo mai visto, dove al posto degli animali ci sono gli uomini e i clown causano un effetto diverso dalla classica risata.
Il circo dei peccatori secondo Justin Monroe 3/6 Il circo dei peccatori secondo Justin Monroe
Foto 3 - Il fotografo dei corpi immagina un circo come non lo abbiamo mai visto, dove al posto degli animali ci sono gli uomini e i clown causano un effetto diverso dalla classica risata.
Il circo dei peccatori secondo Justin Monroe 4/6 Il circo dei peccatori secondo Justin Monroe
Foto 4 - Il fotografo dei corpi immagina un circo come non lo abbiamo mai visto, dove al posto degli animali ci sono gli uomini e i clown causano un effetto diverso dalla classica risata.
Il circo dei peccatori secondo Justin Monroe 5/6 Il circo dei peccatori secondo Justin Monroe
Foto 5 - Il fotografo dei corpi immagina un circo come non lo abbiamo mai visto, dove al posto degli animali ci sono gli uomini e i clown causano un effetto diverso dalla classica risata.
Il circo dei peccatori secondo Justin Monroe 6/6 Il circo dei peccatori secondo Justin Monroe
Foto 6 - Il fotografo dei corpi immagina un circo come non lo abbiamo mai visto, dove al posto degli animali ci sono gli uomini e i clown causano un effetto diverso dalla classica risata.
Storie

Porta Venezia: regole certe per i locali del Rainbow District

Le chiede Paolo Sassi del Lecco, a fronte delle polemiche sulla "movida" e rischio Covid nel quartiere LGBT di Milano.

di Redazione