L’amico e collega di Tom Daley si spoglia ancora una volta per un magazine gay. Ecco le prime immagini del servizio fotografico per Winq Magazine. Ti suggeriamo anche  Boston Etero Pride: Netflix ordina la rimozione del loro nome dalla lista degli sponsor

Il tuffatore Chris Mears ancora in mutande 1/7 Il tuffatore Chris Mears ancora in mutande
Foto 1 - L'amico e collega di Tom Daley si spoglia ancora una volta per un magazine gay. Ecco le prime immagini del servizio fotografico per Winq Magazine.
Il tuffatore Chris Mears ancora in mutande 2/7 Il tuffatore Chris Mears ancora in mutande
Foto 2 - L'amico e collega di Tom Daley si spoglia ancora una volta per un magazine gay. Ecco le prime immagini del servizio fotografico per Winq Magazine.
Il tuffatore Chris Mears ancora in mutande 3/7 Il tuffatore Chris Mears ancora in mutande
Foto 3 - L'amico e collega di Tom Daley si spoglia ancora una volta per un magazine gay. Ecco le prime immagini del servizio fotografico per Winq Magazine.
Il tuffatore Chris Mears ancora in mutande 4/7 Il tuffatore Chris Mears ancora in mutande
Foto 4 - L'amico e collega di Tom Daley si spoglia ancora una volta per un magazine gay. Ecco le prime immagini del servizio fotografico per Winq Magazine.
Il tuffatore Chris Mears ancora in mutande 5/7 Il tuffatore Chris Mears ancora in mutande
Foto 5 - L'amico e collega di Tom Daley si spoglia ancora una volta per un magazine gay. Ecco le prime immagini del servizio fotografico per Winq Magazine.
Il tuffatore Chris Mears ancora in mutande 6/7 Il tuffatore Chris Mears ancora in mutande
Foto 6 - L'amico e collega di Tom Daley si spoglia ancora una volta per un magazine gay. Ecco le prime immagini del servizio fotografico per Winq Magazine.
Il tuffatore Chris Mears ancora in mutande 7/7 Il tuffatore Chris Mears ancora in mutande
Foto 7 - L'amico e collega di Tom Daley si spoglia ancora una volta per un magazine gay. Ecco le prime immagini del servizio fotografico per Winq Magazine.
Storie

Porta Venezia: regole certe per i locali del Rainbow District

Le chiede Paolo Sassi del Lecco, a fronte delle polemiche sulla "movida" e rischio Covid nel quartiere LGBT di Milano.

di Redazione