Il Dalai Lama condanna discriminazioni anti gay

Il Dalai Lama ha diramato un messaggio in supporto ai diritti umani per le persone gay, lesbiche, transessuali e bisessuali.

GINEVRA – In occasione della XXIII Conferenza Mondiale dell’Associazione ILGA (International Lesbian and Gay Association) tenutasi recentemente a Ginevra il Dalai Lama ha inviato un messaggio di supporto, contro le discriminazioni rivolte alla comunità LGBT di tutto il mondo. Il messaggio, inoltrato tramite l’ufficio di rappresentanza del leader spirituale dei buddhisti tibetani, offre i saluti del Dalai Lama stesso alla conferenza ed esprime apprezzamento per “per la speciale attenzione data in questa conferenza ai temi della tolleranza religiosa e del rispetto della diversità.” Il Dalai si dice “fortemente preoccupato per le notizie riguardanti violenze e discriminazioni contro persone gay, lesbiche, bisessuali e transgender” e ribadisce la necessità di rispetto, tolleranza e riconoscimento dei pieni diritti umani per tutti.

La lettura del messaggio del Dalai Lama è stata ricevuta con grande soddisfazione da tutti i partecipanti alla conferenza di ILGA, i cui portavoci hanno sottolineato quanto ci sia bisogno nel mondo che i vari leader religiosi esprimano la propria condanna contro la violenza e le discriminazioni verso le persone omosessuali, dimostrando un simile impegno per la difesa dei diritti umani. Dal canto suo Riccardo Gottardi, co-presidente di Ilga Europe, ha commentato: “È stato molto importante che il leader di un’importante comunità religiosa come il Dalai Lama inviasse un messaggio di non violenza e non discriminazione al congresso ILGA. Il Papa su tanti temi ha una posizione molto simile a quella del Dalai Lama, quando avrà anche lui il coraggio di dire un forte no alla violenza e alle discriminazioni contro le persone LGBT?”

Ti suggeriamo anche  Tiziano Ferro: "Da cattolico sono arrabbiato ma credo nel miracolo di una Chiesa che ami i gay"
Attualità

Omofobia, Pillon attacca la legge: “liberticida, orwelliana, con psicopolizia che vigilerà sul pensiero dei cittadini”

Il senatore leghista è tornato ad attaccare la nostra comunità, disegnando i lineamenti di un futuro catastrofico e distopico a causa della legge contro l'omobitranslesbofobia.

di Federico Boni