ARRIVA IL CELLULARE DA POLSO

di

I primi mille esemplari del nuovissimo "Wristomo" sono spariti dai negozi giapponesi in venti minuti. E intanto arrivano sul mercato i telefonini con fotocamera da un milione di...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
769 0

MILANO – E’ andato a ruba in Giappone il primo telefono da polso lanciato da Ntt Docomo. Lo scorso mercoledì l’operatore ha messo in vendita 1.000 unità del suo nuovo Wristomo, che sono state vendute in appena 20 minuti.

Il telefono, che costa 316 dollari, è basato sullo standard I-mode, opera sulla rete giapponese Phs (Personal Handyphone System) e permette sia le chiamate vocali che l’accesso a Internet.
Il Wristomo è inoltre dotato di software che consente di sincronizzare il diario e l’agenda interni con Microsoft Outlook. Ogni telefono pesa circa 110 grammi e presenta dimensioni pari a 17x4x1,75 cm. Le batterie garantiscono una durata massima di 120 ore in conversazione e 200 ore in stand by.

Ntt Docomo ha annunciato che metterà in vendita un secondo blocco di Wristomo il prossimo giovedì.
E a proposito di novità, sempre in Giappone, la KDDI ha annunciato il lancio del suo primo telefono con macchina fotografica con una risoluzione di oltre un milione di pixels, unendosi a Ntt DoCoMo e J-Phone nell’offerta di telefonini con mega-pixel. Il secondo operatore di telefonia mobile in Giappone inizia la distribuzione dei nuovi cellulari, prodotti da Casio Computer, dal 27 maggio.
“Benché siamo dietro altri operatori nel lancio di un modello mega-pixel, probabilmente saremo i primi a metterlo sul mercato”, ha detto Toshio Maki, general manager dei prodotti per il ramo mobile della KDDI.
DoCoMo e J-Phone, che hanno svelato entrambe il loro primo modello di cellulare mega-pixel lo scorso mese, hanno in programma di metterli in vendita non prima delle fine di maggio.

Maki ha aggiunto che i nuovi modelli di Casio, equipaggiati con una macchina fotografica da 1,24 milioni di pixel, dovrebbe essere in vendita a meno di 20mila yen (circa 171 euro). Gli ultimi modelli dei telefoni del genere della KDDI sono venduti ad un prezzo tra i 15mila e i 20mila yen. I modelli mega-pixel, con una risoluzione quattro volte più definita dei modelli esistenti e in grado di fare foto delle misura standard, metteranno in competizione i telefoni cellulari direttamente con le macchine fotografiche digitali di nuova generazione.
KDDI ha anche presentato altri quattro telefoni-macchina fotografica incluso un modello di Sony Ericsson, con un display a cristalli liquidi per immagini più luminose.
Lanciati alla fine del 2000 da J-Phone, unità giapponese della britannica Vodafone Group, i telefoni con macchina fotografica sono diventati il trend più seguito in Giappone per l’Internet mobile, dando un po’ di respiro all’ormai saturo mercato della telefonia. Attualmente, tre telefonini su 10 in Giappone hanno la macchina fotografica.

Visitate Cellulari.it

di Cellulari.it

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...