IL CELLULARE GUARDA AVANTI

di

La terza generazione non si è ancora affermata, ma c'è già chi pensa alla quarta! Con la tecnologia 4G il collegamento con il Pc in ufficio e con...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
801 0

Il tempo brucia già i cellulari del futuro. I telefonini 3G non hanno fatto a tempo ad arrivare negli scaffali dei negozi che c’é già chi pensa alla prossima generazione di terminali senza fili. É già tempo del 4G. É quanto si legge in un’inchiesta del quotidiano economico Il Sole 24 Ore, che riporta tempi di concorrenza del mercato, spinti ormai al massimo, al punto che tra progetto e realizzazione non ci si può più far sorprendere impreparati.
I 4G entreranno in commercio probabilmente entro la fine del decennio ma qualcosa di loro già si conosce. Secondo gli scienziati si tratterà di una tecnologia basata sul protocollo di Internet in modalità end-to-end. I telefoni del futuro saranno collegati in modo trasparente alla rete come il Pc in ufficio, mentre la quarta generazione segnerà la definitiva convergenza tra voce e dati, tra comunicazione (cellulari) e informazione (personal computer).
Ma se chi c’è già anticipa il futuro, c’è anche chi è pronto a scommettere sul passato. Come la Svizzera. Chi l’ha detto che il Gsm é una tecnologia obsoleta? Non certo il Paese elevetico che, nel tentativo anche di fare cassa, ha deciso di dare il via a una gara per l’assegnazione di tre frequenze di telefonia mobile di seconda generazione con licenza decennale. L’Ufficio federale svizzero delle telecomunicazioni (Ufcom) pensa di incassare annualmente due milioni di franchi svizzeri, poco meno di 1,3 milioni di euro. Gli operatori che si aggiudicano la gara dovranno realizzare una propria infrastruttura di base rendendo impraticabile l’opzione dell’operatore virtuale.

In ogni caso non é esclusa la possibilità del roaming con Swisscom, Orange e Sunrise, società telefoniche che non saranno ammesse alla nuova gara in quanto già presenti sul mercato.
Visitate www.cellulari.it

di Cellulari.it

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...