IL CONTO SALVADANAIO

Un buon modo per ‘parcheggiare’ i liquidi in attesa di migliori investimenti? Accanto al famoso Conto Arancio ora anche il Santander Consumer. Zero spese per una gestione semplice.

La Bce ha lasciato per l’ennesima volta invariati i tassi di interesse nell’€urozona, ma si dichiara pronta a muoverli in futuro, sebbene l’inflazione non preoccupi al momento più di tanto.

Al contrario, negli Stati Uniti c’è più incertezza in merito alla spinta dei prezzi, ed altri ritocchi da parte della Fed appaiono molto probabili.

Comunque l’economia americana va davvero forte, la crescita non sembra conoscere ostacoli, ed i fondamentali restano solidi (tra l’altro segnaliamo la produttività del III trimestre a + 4,1%).

Per le borse una settimana da archiviare col segno più.

LA LENTE DI INGRANDIMENTO

Nell’ambito dei conto correnti “virtuali”, dopo l’apripista Conto Arancio, vogliamo segnalare un nuovo prodotto lanciato recentemente dal gruppo Banco Santander (uno dei principali a livello mondiale, il primo in Europa): il Conto Deposito Santander Consumer.

Come il più noto Conto Arancio presenta zero spese sia di apertura che di gestione (nemmeno l’imposta di bollo), un’eccellente remunerazione (6% lordo per i primi sei mesi e poi il 2,60% stante le condizioni attuali, ma evidentemente suscettibile di ritocchi; interessi liquidati trimestralmente), una facile gestione, ma in più rispetto al primo rilascia una carta Cirrus, gratuita anch’essa, per effettuare prelievi dagli sportelli ATM abilitati (in Italia fino a tre prelievi gratuiti a trimestre, con un massimo di 250 € a prelievo, per l’estero invece c’è una commissione).

Come per il Conto Arancio occorre comunque avere un conto corrente presso un qualsiasi altro istituto bancario, per alimentare il Conto Deposito con bonifici liberi oppure optando per un piano di accumulo, scegliendo l’importo desiderato che verrà versato ogni primo del mese tramite disposizione automatica (per le spese chiedete alla vostra banca).

Il conto è consultabile pure on-line e permette la visualizzazione del saldo, della lista movimenti, delle condizioni applicate e degli interessi maturati.

Sempre on-line è possibile effettuare bonifici (ma il c/c di accredito deve presentare la stessa intestazione del Conto Deposito) e modificare il Pac.

In ultimo, doverosamente, vi riportiamo i possibili rischi legati a questo strumento finanziario come da Foglio Informativo Analitico.

Tenete sempre presente quindi:

– eventuali variazioni in senso sfavorevole di condizioni economiche (tassi e spese, laddove previsto dal contratto);

– rischio controparte: è comunque prevista una copertura massima di 103291,38 € per ogni cliente per effetto dell’adesione della banca al sistema di garanzia dei depositi (Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi);

– eventuali utilizzi fraudolenti da parte di terzi delle vostre chiavi d’accesso;

– i rischi relativi alla trasmissione dei dati via Internet.

In definitiva, come il similare Conto Arancio, il Conto Deposito del Santander costituisce un’ottima soluzione per un parcheggio più o meno lungo della vostra liquidità, in attesa magari di cogliere qualche migliore opportunità di investimento.

Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Gay Style.

di Sirio Belli