ISTRUZIONI PER GODERE DEI SALDI

Parte la corsa ll’affare. Ma dietro le vetrine si possono nascondere piccole e grandi trappole. Dieci regole da seguire per evitare sorprese nella stagione del “tutto al ribasso”.

I recenti attentati alla città di Londra hanno fatto temere il peggio anche negli ambienti finanziari, riportando la mente a ciò che era successo dopo gli attacchi alle torri gemelle ed alla stazione di Madrid, eppure stavolta la reazione dei mercati (così come quella del popolo e dei media inglesi) è stata talmente forte da non creare danni e nemmeno il panico che ci si poteva aspettare.

Rimane il fatto però che non bisogna certo abbassare la guardia di fronte alla minaccia del terrorismo, e soprattutto occorre essere consapevoli che quelli della capitale inglese non saranno purtroppo gli ultimi scellerati gesti delle forze di Al Qaeda.

Tornando ai mercati osserviamo invece i nuovi strappi al rialzo del prezzo del greggio e le conseguenti preoccupazioni per la crescita globale.

A farne maggiormente le spese è in questo caso l’Europa, dove tali rialzi non fanno altro che sostenere l’inflazione, creando le aspettative per un ritocco all’insù dei tassi di interesse.

Nel frattempo i mercati azionari continuano il loro trend rialzista che ha portato in particolare le borse del Vecchio Continente ai massimi di questi ultimi anni.

La liquidità a disposizione è sempre molta, e presumibilmente tale fasce di ascesa (fermo restando il pericolo terrorismo) si protrarrà ancora per un po’ di tempo.

LA LENTE DI INGRANDIMENTO

E’ già partita la stagione dei saldi, e con essa la consueta corsa alla ricerca dell’affare a buon prezzo.

Ma sappiamo bene quanto nella realtà i concreti buoni affari siano molto pochi, e che sovente dietro a formidabili ribassi si nascondano vere e proprie truffe.

A tal proposito le principali associazioni dei consumatori hanno presentato un decalogo di regole molto utile per muoversi senza problemi nel caotico mondo dei saldi e magari portare a casa qualche acquisto felice.

Ecco le 10 regole:

1) Conservate sempre lo scontrino perché anche i capi in saldo possono essere sostituiti se difettosi (la denuncia al venditore deve essere fatta entro due mesi dalla scoperta del difetto stesso).

2) La merce venduta a saldo deve essere quella della stagione e non deve provenire da fondi di magazzino (a questo proposito usate cautela in presenza di sconti superiori al 50% che potrebbero nascondere merce alquanto vetusta).

3) E’ preferibile fare gli acquisti nei negozi di fiducia per meglio valutare la convenienza dell’offerta.

4) Diffidate dalle vetrine coperte da manifesti che non permettono una visione della merce e che non consentono soprattutto di verificare se il prodotto esposto in vetrina è lo stesso venduto nel negozio.

5) Sulla merce è obbligatorio un cartellino che esponga il vecchio prezzo, quello scontato, e la percentuale di sconto.

6) Non esiste nessun obbligo per il negoziante di far provare i capi.

7) Non vi fermate mai al primo negozio ma cercate di confrontare i prezzi di più punti vendita.

8) La merce in saldo deve essere tenuta separata da quella nuova.

9) I negozi che espongo non in vetrina gli adesivi delle carte di credito o dei bancomat sono obbligati ad accettarli come forme di pagamento anche per la merce in saldo.

10) Nel caso in cui si ravvisino gli estremi di una truffa rivolgetevi immediatamente alle associazioni dei consumatori (Adusbef, Codacons, ecc…….).

Nella speranza che i raggiri e le truffe siano davvero pochi, non resta che augurare felice shopping a tutti!

Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Gay Style.

di Sirio Belli