L’app gay è stata violata. A rischio i dati degli iscritti

Grindr, l’applicazione di incontri gay per smartphone, è stata violata martedì. Il fondatore prima smentisce poi è costretto ad ammettere l’intrusione di un hacker. A rischio i dati e le foto.

Grindr, l’app destinata agli incontri gay "è stata attaccata da un hacker di Sydney, compromettendo potenzialmente le chattate private, le foto porno e le uinformazioni private degli utenti". A rivelarlo è il Sydney Morning Herald che ha anche intervistato il fondatore di Grindr.