MAI PIÙ IN RICARICA

di

E’ nato il cellulare che non si scarica. Un gruppo di ricercatori di Catania ha messo a punto una microbatteria capace di alimentarsi da sola. Un'invenzione che anche...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
799 0

Presto non saremo più costretti a ricaricare le batterie dei nostri cellulari per ore e ore. Un gruppo di ricercatori dell’Istituto per la Microelettronica e Microsistemi del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) di Catania ha infatti sviluppato, in collaborazione con i colleghi di STMicroelectronics del capoluogo etneo, nuove tecnologie adatte alla realizzazione di una micro-cella a combustibile, da integrare all’interno dei micro-chip in silicio. Il prototipo, spiega il Cnr, consentirà la generazione di corrente elettrica usando idrogeno o metanolo come combustibile, per realizzare dispositivi microelettronici che si alimentano da soli. Partendo dalla considerazione che le batterie convenzionali non sono al momento in grado di fornire potenza in volumi sempre più ridotti, garantendo lunga durata e peso limitato, il team di ricercatori catanese ha quindi pensato di integrare nei dispositivi microelettronici al silicio vere e proprie celle a combustibile. Dai ricercatori, in pratica, sono state ridotte a dimensioni micrometriche le architetture utilizzate per le celle macroscopiche, attraverso sofisticatissimi processi di microlavorazione del silicio. In questo modo l’equipe CNR-STMicroelectronics è riuscita a dimostrare che nello stesso micro-chip si possono integrare il dispositivo per la generazione della potenza e tutti i circuiti elettronici logici e di controllo. La sequenza dei processi di microlavorazione, coperta da due brevetti, ha inizio con la realizzazione di microcanali del diametro di pochi micron, che corrono sepolti qualche micron sotto la superficie di una fetta di silicio monocristallino.
«Attraverso complessi processi fotolitografici ed elettrochimici -spiegano Corrado Spinella e Giuseppe D’Arrigo, dell’Istituto per la Microelettronica e Microsistemi del CNR di Catania- la parte di silicio sovrastante ciascun microcanale, viene convertita in una struttura nano-porosa». «Il silicio poroso -aggiungono Spinella e D’Arrigo- viene poi permeato con cluster nanometrici di metalli catalizzatori, quali platino, palladio o rutenio, che hanno la funzione di innescare le reazioni di ossido-riduzione per la produzione di corrente elettrica nella cella». «Alla fine -concludono i due ricercatori- il silicio contenente i cluster catalizzatori è impregnato con una membrana polimerica per lo scambio protonico».
«Le competenze del gruppo IMM di Catania, -sottolinea il Cnr- la strumentazione sofisticata per il controllo dei processi chimici ed elettrochimici per la microlavorazione del silicio, la collaborazione e l’interesse di STMicroelectronics che ha messo a disposizione i propri laboratori fotolitografici e le proprie tecnologie, hanno permesso di raggiungere risultati che la comunità scientifica internazionale del settore considera alla frontiera». Tanto che la rivista britannica Fuel Cell Bulletin ha dedicato ampio spazio all’attività del gruppo CNR di Catania.
COSÌ FUNZIONANO LE CELLE A COMBUSTIBILE
Dalle auto agli impianti di riscaldamento, le celle a combustibile sono le batterie del futuro. Tanto da approdare presto anche nei nostri cellulari. Ecco cosa sono e come funzionano le fuel cell. Le celle a combustibile sono dei dispositivi in grado di produrre energie basati su materiali elettroliti, polimeri o ossidi solidi, incapsulati tra due elettrodi. La cella funziona quando il combustibile, di solito idrogeno, viene trasferito a uno degli elettrodi e l’ossigeno all’altro. Scaldando la struttura elettrodi-elettroliti, il combustibile e le specie ossidanti si diffondono verso l’interfaccia di uno degli elettrodi ed incontrano il materiale catalitico, innescando una reazione elettrocatalitica, liberando così elettroni liberi, che possono essere raccolti e utilizzati in un circuito esterno. Gli ioni fluiscono attraverso la membrana e si dirigono verso l’altro elettrodo per formare acqua. Questa complessa architettura di funzionamento, con la nuova tecnica messa a punto da Cnr e STMicroelectronics di Catania, è stata ora riprodotta su scala micrometrica all’interno del silicio.

Visitate Cellulari.it

di Cellulari.it

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...