PROTEGGERSI DAI VIRUS

di

È indispensabile proteggersi verso i pericoli e le insidie di cui è costellata la rete. Come nella vita reale, navigando rischiamo di prenderci qualche virus o semplicemente fastidiosi...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1013 0

Uno strumento utilizzato e ormai irrinunciabile per tutti i navigatori internet è l’antivirus, non quello che si compra in farmacia per scongiurare l’influenza bensì un programma che aiuta il nostro computer a “rimanere in salute” evitandogli il rischio di prendersi un virus.
Tipi di virus

Sono presenti virus di vario tipo e come quelli presenti in natura possono essere innocui o altamente dannosi arrivando a danneggiare oltre i files anche l’hardware e il software presente nel computer. Generalmente si trasmettono ad altri computer attraverso la posta elettronica. I cosiddetti Worm, una volta entrati nel sistema, si riproducono e si diffondono ad altri computer utilizzando ad esempio i contatti che abbiamo nella rubrica. I Trojan (cavalli di Troia) invece sono così chiamati perché all’apparenza sembrano programmi utili ma in realtà, una volta lanciati, si rivelano dannosissimi: possono per esempio disattivare il nostro antivirus o il firewall, “leggere” tutti i tasti premuti sulla tastiera e inviarli a qualcuno, apririvi e chiudere la cassetta del cd. Per ultimi cito gli Spyware ovvero piccoli programmi che non sono di per sè dannosi ma che comunque si divertono a spiare le nostre abitudini (in quali siti navighiamo, se facciamo acquisti su internet, quali servizi utilizziamo, etc.) per poi comunicarli a terzi.Quale antivirus?
Alla luce di tutto ciò diventa quindi indispensabile l’uso di un programma…
Continua in seconda pagina^d
Quale antivirus?
Alla luce di tutto ciò diventa quindi indispensabile l’uso di un programma antivirus, ma quale? Innanzitutto dipende dalle caratteristiche del computer che vogliamo proteggere poiché ci sono antivirus adatti alle aziende, ai server, ai privati, etc. e poi dal livello di protezione che vogliamo raggiungere. Poiché gli antivirus non sono tutti uguali ma differiscono per le funzioni, l’efficacia e anche la velocità con cui sono in grado di individuare il virus ed eliminarlo, scegliere quello giusto si rivela un passo fondamentale. Pensate che a questo proposito è stata stilata una classifica degli antivirus in base alla loro efficacia intesa come percentuale dei virus che sono in grado di eliminare e il tempo che ci mettono.
L’antivirus on-line
Esiste inoltre una nuova tipologia di Antivirus “on-line” che consente di eseguire una scansione, nella maggior parte dei casi gratuita, del proprio computer quando necessario, senza bisogno di scaricare ed installare il programma. Ne è un esempio l’antivirus Panda, che offre sul sito dedicato la funzionalità ActiveScan che consente una scansione on-line del proprio computer permettendo all’utente di selezionare gli elementi su cui eseguire la scansione (email, dischi rigidi, cartella documenti, unità Cd-Rom, floppy, etc.). Una volta completata l’analisi delle unità selezionate avremo un elenco di tutti gli “animaletti” che infestano il nostro strumento elettronico. È inoltre possibile visualizzare un rapporto finale sulle condizioni generali del computer.

Un altro antivirus che offre la possibilità di effettuare la scansione on-line è il Symantec del celeberrimo Norton che tramite l’applicazione Security Check consente di individuare la presenza di virus nel computer o se eventualmente questo sia protetto o meno da eventuali attacchi informatici.
L’antivirus gratuito

Alcuni antivirus possono essere reperiti gratuitamente in rete. Alcuni di questi sono: Avast (molto leggero e veloce), Antivir-PE Classic (viene aggiornato molto spesso, configurazione facile), Kaspersky Personal Pro 5 (è il primo della classe, riconosce praticamente quasi tutti i virus), AVG (meno performante degli altri ma pur sempre efficace).
A voi la scelta e buona navigazione.
Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Tecnologia.

di Antonio Lombardi

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...