Investire sull’Eguaglianza: il ‘fintech’ gay friendly che cambia il mondo

Antonio De Negri ha creato a Londra Equality Investment: il 20% degli introiti in favore di cause LGBT

Un fondo che offre solo investimenti in compagnie gay friendly e che destina il 20% degli introiti a cause LGBT: questa l’idea di Antonio De Negri, un italiano trapiantato a Londra che ha creato Equality Investment, una start up “fintech” (attiva cioè nella finanza con strumenti digitali), che offre questo e molti altri interessanti benefit.

Gli investimenti infatti sono selezionati sulla base di un Equality Index che considera sotto vari parametri come l’azienda si relaziona con il mondo LGBT: ad esempio come valorizza le diversità al suo interno, se discrimina, se prende posiziona pubblicamente in favore dell’eguaglianza.

Solo le aziende che conseguono uno score del 100% in 4 aree di valutazione possono essere inserite nel portafogli investimenti proposto ai clienti: l’obiettivo è quello di coniugare la tutela dell’investimento con il benessere di lungo periodo e l’impatto sociale mediante la destinazione di una parte degli introiti (20%) a cause LGBT.

Tra le aziende gay friendly figurano ad esempio Apple, il cui CEO Tim Cook è uno dei pochi top manager mondiali dichiaratamente gay, o Facebook di Mark Zuckerberg, notoriamente molto gay friendly.

zuck3

La compagnia promette massima trasparenza, nessuna barriera all’ingresso (è possibile iniziare ad investire anche con sole 100 sterline), commissioni basse e tutta una serie di benefici derivanti dall’approccio digitale, tra cui l’accedere in tempo reale dal proprio smartphone a report e operazioni sul proprio investimento.

Dimmi dove investi e ti dirò chi sei, insomma, ed in un epoca in cui la finanza può molto di più della politica sugli equilibri mondiali, ci pare per una volta che questa iniziativa costituisca il lato positivo della “medaglia” finanziaria globale che tante ingiustizie e storture perpetra nello scenario mondiale

Un’idea ha proiettato Antonio direttamente al VOOM2016, una competizione per start up in cui con il voto on line degli utenti può essere premiata “digital company” di domani: perciò aiutiamo Antonio a realizzare il suo sogno votando la sua idea a questo link.

Storie

Giovanna Vivinetto, l’insegnante trans licenziata denuncia la scuola

Parte la denuncia ai danni della scuola Kennedy di Roma, dove Giovanna era insegnante.

di Alessandro Bovo