KOEN CERCA MARITO

Vive in Belgio, dove ci si potrà sposare

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

Diventa anche tu Iscritto della Settimana! Clicca qui!

Nome: Koen

Indirizzo su Me! www.gay.it/me/koenitalia.htm

Età: 21 anni

Città: Dessel, Belgio

Peso e altezza: 85kg, 1m87

Segno zodiacale: Vergine

Professione: Studente

Che CD ascolti in questo periodo? Oggi ho ascoltato molte canzoni ebraiche. Ascolto un po’ di tutto: musica italiana, belga, americana. Mi piace la musica commerciale: canzoni senza contenuto, ma molto ballabili. Qua in Belgio ci sono tantissimi gruppi dance come Lasgo e Sylver – adoro la loro musica in discoteca!

I tuoi libri preferiti? Non ho un libro preferito. Preferisco leggere giornali e riviste. Voglio sapere cosa succede nel mondo, ogni giorno guardo il telegiornale.

E i tuoi film preferiti? Non so scegliere… Qualche settimana ho trovato ‘Le fate ignoranti’ su internet e me lo sono subito comprato. Me l’hanno consegnato la settimana scorsa… Che bello! Fra un anno e mezzo sarò traduttore/interprete olandese/francese/italiano e grazie a questo film ho trovato l’argomento della mia tesi di laurea: vado a sottotitolare ‘Le fate ignoranti’. E’ semplicemente troppo bello!

Sei più in forma di mattina o di sera? Di sera! Sono un ‘corvo della notte’, come diciamo in olandese. Non riesco ad alzarmi la mattina. Corsi alle 8 di mattina sono mortali. Non dormo mai prima delle 2 di notte.

Ti consideri gay/lesbica o bisex? Gay! No doubt about that 🙂

Quante persone sanno della tua omo/bisessualità? Tutti. Non è un segreto. Tutti l’hanno subito accettato, non ho mai avuto un problema.

Esci spesso, la sera o nei week-end? Esco quasi soltanto nei week-end. Mi piace molto uscire, però abito in un buco, quindi per uscire devo andare ad Anversa, una città a 60km da casa mia. Ci vado ogni sabato, già da più di 3 anni, però non mi diverto più perché sono sempre le stesse persone e la stessa musica. Vorrei uscire in un altro luogo ma non ho ancora trovato un’alternativa.

Che genere di ragazzi/e ti piacciono? I ragazzi italiani: mori, bassi, passionali… L’anno scorso ho studiato in Italia e lì ho avuto due ragazzi. Che belloooo!!! Sono determinato: un giorno mi sposo con un Italiano, visto che a partire dal mese di novembre 2002 i gay potranno sposarsi in Belgio! Un problema: come trovare un Italiano in Belgio? Forse sarà meglio trasferirmi in Italia; why not? Mai rinunciare alla Dolce Vita 🙂

Raccontaci il tuo primo bacio. Il mio primo bacio è stato con un ragazzo spagnolo; per un’intera settimana mi sono sentito ‘narcotizzato’. Ero innamorato cotto dopo quel bacio. Bellissimo. Era durante una festa ad Anversa, non lo dimenticherò mai.

Cosa guardi subito in un ragazzo o in una ragazza? ‘Qualcosa’ che non riesco a spiegare. Un ragazzo non deve essere bellissimo, mi innamoro di qualcuno che ha qualcosa di misterioso. Non so come spiegare.

Hai un/una partner? No

Cosa cerchi in una relazione? Cerco un’anima gemella. Qualcuno di cui posso fidarmi. Qualcuno che mi ascolta, mi fa ridere, mi capisce, someone who makes me happy.

A quale film assomiglia la tua vita? Non ho mai visto un film che assomigliava alla mia vita…

Dimmi il nome di tre personalità (viventi o del passato) che vorresti invitare a cena. Il papa per fargli capire che viviamo nel 2002, Ferzan Ozpetek, il regista del film ‘Le fate ignoranti’ per ringraziarlo di aver fatto un bel film, e poi Rocco della casa del Grande Fratello 1. Mi chiedo veramente se è gay o no… Sono tornato in Belgio in febbraio 2001 e non so se alla fine ha ammesso di essere omosessuale o no.

Un tuo segreto, una cosa che solo poche persone sanno di te? Visto che è un segreto, non ve lo dico 🙂 Ciao! E scrivimi okay?

Per avere la tua pagina sui Personals, clicca qui!. Se vuoi diventare Iscritto della Settimana, compila il form che trovi cliccando qui.

Omofobia

Pillon, interrogazione parlamentare in difesa dell’avvocatessa che aveva detto “i gay sono malati”

Persino il consiglio dell’ordine degli avvocati di Mantova aveva preso le distanze dalla donna, che aveva scritto sui social "l’omosessualità è un disturbo psichiatrico e che chi ne è affetto non può lavorare a contatto con i minori, altrimenti questi disturbati trasmetteranno il disturbo nelle scuole".

di Federico Boni