L’immigrato gay: se torno mi uccidono

“Se mi dichiarassi gay in Senegal, rischierei da uno a cinque anni di detenzione. In più mia madre potrebbe essere ripudiata perchè ha cresciuto un figlio sbagliato”.

ROMA – “Se mi dichiarassi gay in Senegal, rischierei da uno a cinque anni di detenzione. In più mia madre potrebbe essere ripudiata perchè ha cresciuto un figlio sbagliato”. Lo afferma il giovane senegalese Mohammed, che ha evitato l’espulsione solo perchè gay e in Senegal l’essere omossessuale viene punito con il carcere o la morte.

“E’ una cosa strana però non è una mia scelta- continua Mohammed- uno viene al mondo con i suoi desideri. Potevo nascere con la passione per le donne, non è andata così. Prego, rispetto l’Islam. Ma credo che la vita e la religione siano due momenti diversi, separati”. “Se i senegalesi che risiedono qui sanno che sto con gli uomini- conclude Mohammed- mi denunciano in Senegal e la mia famiglia potrebbe rinunciare a me. Mi ricordo come erano trattati gli omossessuali a Dakar, bastava che uno fosse giudicato un’pò effeminato dai vestiti e gli altri lo picchiavano a morte”.

Ti suggeriamo anche  A Vercelli il primo gay pride che coinvolge anche gli immigrati Lgbt
Attualità

Prima casa insieme dopo aver finto per 13 anni di essere cugini, la gioia del regista indiano e del fidanzato

Per non suscitare clamore tra i vicini e non avere problemi con l'affitto, Apurva Asrani e Siddhant Pilla hanno finto di essere cugini per 13 anni. Ora, finalmente, possono presentarsi a tutti come fidanzati.

di Federico Boni