Lincoln ipoteca l’Oscar con 12 nominations

In testa il dramma storico di Spielberg con 12 segnalazioni tallonato da Vita di Pi diretto da Ang Lee (11). Sorpresa per Quvenzhané Wallis (9 anni) nel ruolo gender in Beasts of the Southern Wild.

È l’epico dramma storico di Steven Spielberg Lincoln, epurato però da ogni riferimento all’omosessualità del Presidente americano, a guidare la corsa agli Oscar con 12 nominations. Lo tallona l’avventuroso Vita di Pi diretto da Ang Lee con undici segnalazioni seguito da I miserabili e L’orlo argenteo delle nuvole con otto e Argo di Ben Affleck con sette.

Exploit del magistrale Amour di Haneke già Palma d’Oro con le cinque nominations più importanti tra cui miglior attrice, la più anziana mai candidata all’Oscar, Emmanuèle Riva (85 anni). Quasi un contraltare della più giovane candidata in assoluto, Quvenzhané Wallis (9 anni) nel ruolo simil-gender dell’emozionante e malickiano Beasts of the Southern Wild di Benh Zeitlin in cui interpreta una ragazzina cresciuta come un maschio insieme al padre tra le palafitte del bayou in Louisiana prima di un’inondazione che travolgerà l’intera comunità.

Una sola nomination per l’Italia: la migliore colonna sonora firmata da Dario Marianelli per il multistage Anna Karenina di Joe Wright.

Ti suggeriamo anche  Venezia 76: i 'Best of' dal Red Carpet del Festival del Cinema
Omofobia

Russia, l’indecente spot che attacca le famiglie arcobaleno – video

Uno spot vergognoso, ovviamente consentito a dispetto di tutti i Pride, i film e le serie con personaggi LGBT al loro interno, da anni vietati in Russia perché colpevoli di "propaganda gay". Sulla propaganda sfacciatamente omotransfobica, invece, nulla da obiettare.

di Federico Boni