Milano: ultime repliche per The Butterfly Kiss

Ultime repliche per il musical, The Butterfly Club, show di nuovissima concezione che coniuga il clima sfavillante del musical con l’atmosfera ammiccante della rivista post-moderna.

MILANO – Ultime repliche per il musical, The Butterfly Club, show di nuovissima concezione che coniuga il clima sfavillante del musical con l’atmosfera ammiccante della rivista post-moderna. Lo spettacolo, in scena alla Discoteca C-Side di via Castelbarco 11/13 dal 28 aprile ogni giovedì, venerdì, sabato e domenica alle ore 21, è ispirato ai favolosi anni Cinquanta ed è concepito come una sorta di viaggio nel mondo della sesssessualitànnata”, la sessualità illecita che a quell’epoca ruotava attorno ai night club e alle case di appuntamenti. Nulla è mai volgare. Gesti, sguardi, voci, costumi e movenze delle otto ballerine, delle tre cantanti e dei quattro ballerini dosano fascino, ironia e seduzione riproponendo fantasie, desideri e situazioni considerate “proibite”, per far rivivere momenti piccanti di una vita nascosta dalle luci della notte disturbati solo dal fruscio di costumi coloratissimi e dall’esplosione di musiche coinvolgenti.

The Butterfly Club è ideato dal coreografo americano Brian Bullard, già protagonista a Broadway dei più celebri musical e autore di numerosissime coreografie per i più famosi spettacoli teatrali e televisivi (Passaparola, Scherzi a parte, La sai l’ultima, per citarne alcuni).

The Butterfly Club – al C-Side di via Castelbarco 11/13. Lo show dura 1 ora e 30. Prezzi 28, 35 e 45 euro. In prevendita da Ticket-one. Info-line 02.33020080. Sito internet www.thebutterflyclub.it.

Ti suggeriamo anche  Addio al coreografo Lindsay Kemp: lavorò con David Bowie e Kate Bush
Omofobia

Russia, l’indecente spot che attacca le famiglie arcobaleno – video

Uno spot vergognoso, ovviamente consentito a dispetto di tutti i Pride, i film e le serie con personaggi LGBT al loro interno, da anni vietati in Russia perché colpevoli di "propaganda gay". Sulla propaganda sfacciatamente omotransfobica, invece, nulla da obiettare.

di Federico Boni