Armani: Stop crudeltà su animali, da oggi solo collezioni “fur free”

Si potranno indossare capi ugualmente eleganti, stilosi e raffinatati anche se ecologici

La stagione autunno-inverno 2016/2017 vedrà compiersi una delle svolte più grandi dell’Alta Moda: l’abolizione delle pellicce vere di animale. La decisione di mettere “in pensione” le pellicce di animale è un importante e doveroso cambiamento per il settore.

Armani ha dichiarato che:

“Nel 2016 ci sono valide alternative che rendono inutile il ricorso a pratiche crudeli nei confronti degli animali. Proseguendo il processo virtuoso intrapreso da tempo, la mia azienda compie, quindi, oggi un passo importante a testimonianza della particolare attenzione verso le delicate problematiche relative alla salvaguardia e al rispetto dell’ambiente e del mondo animale”.

Armani vi dimostrerà che non occorre uccidere una creatura per potersi distinguere, e si potranno indossare capi ugualmente eleganti, stilosi, sofisticati e raffinatati anche se ecologici. Al via, quindi, a collezioni ‘fur free‘.

Joh Vinding, presidente della Fur Free Alliance, conclude:

“Per decenni Giorgio Armani è stato un trendsetter nel mondo della moda e la sua ultima comunicazione è la prova che la sensibilità e l’innovazione rappresentano il futuro di questo settore”.

ECO is the word!

Ti suggeriamo anche  Sneakers, le più desiderate dell'estate