CIACCI, INVENTORE DI DIVE

Giovanni Ciacci è il primo stylist italiano. Nelle sue mani l’immagine di molte delle icone dello spettacolo: la Marini, la Argento, la Neri… Fabio Canino gli ha carpito qualche segreto…

Giovanni Ciacci è un ragazzo (gli ho promesso che avrei detto che è giovane…) nato a Siena, che da dieci anni vive e lavora a Roma. Il suo lavoro è quello di stylist, ovvero colui che crea i look delle dive di casa nostra (e non solo di casa nostra!). Sono andato ad intervistarlo a casa sua in Trastevere a Roma. Entro in casa e lui è al telefono che grida come un pazzo con il grafico che ha sbagliato ad impostare le nuove foto di Francesca Neri. "Scusa" mi dice "ma se non faccio così non capiscono!". Finalmente calmato, mi prepara un caffè ed iniziamo l’intervista sfogliando l’album con le foto delle "sue" creature.

Allora Giovanni, come hai iniziato?

Ho iniziato per colpa della Marini.

C’è sempre lei nel mezzo!! E perché?

Dieci anni fa lavoravo per un’industria della moda di Arezzo. Curavo l’immagine di tutte le collezioni, ed in più l’estate mi trasferivo a Porto Cervo dove l’azienda aveva una serie di negozi, per controllare anche i negozi. Conobbi Valeria Marini proprio in Sardegna e diventammo amici. Alla fine di quell’estate mi propose si seguirla a Roma per curare la sua immagine per una trasmissione che avrebbe di li a poco iniziato per il Bagaglino (Saluti & Baci, ndr). Accettai, avevo voglia di cambiare aria. Così mi trasferii a Roma e divisi casa con Valeria per tre anni. Tutto partì da lei.

Ma mi spieghi in cosa consiste il tuo lavoro, lo stylist?

Allora, in realtà io tenterei di fare il costumista, ma spesso mi fanno fare lo stylist!

Cioè usi i vestiti creati dagli altri..

Esatto. Tutto questo per creare un personaggio. Quando si vuol creare un’immagine ad un personaggio dello spettacolo (o già esistente o totalmente da creare) chiamano me. Questo è un lavoro che in Italia non esisteva. E’ una figura professionale nata negli Studios cinematografici americani, dove per esempio, la Signora Marlene Dietrich, dopo il grande successo del film "l’Angelo Azzurro" arrivò ad Hollywood, cicciottella, con i capelli crespi e con vestiti brutti (arrivava dall’Europa tra le due guerre…) e la trasformarono in quella meraviglia che poi tutti conosciamo.

A chi curi l’immagine?

Ti suggeriamo anche  Marco Tardelli: "Spero che in Italia qualche calciatore faccia coming out, spero diventi la normalità"

Tantissime, tra le quali Valeria, con la quale c’è anche un grande rapporto affettivo, poi Francesca Neri, Anna Galiena, Sabrina Ferilli, Ela Weber, Romina Power, Matilde Brandi, Asia Argento e domani volerò a Montecarlo per lavorare per la prima volta con Sophie Marceau.

In base a cosa si crea l’immagine di un personaggio?

Dipende da molte cose: da cosa richiede il mercato in quel momento, a cosa serve quel determinato servizio fotografico: se per lanciare un film od un programma tv e, chiaramente, da cosa vuole il personaggio stesso!

Quali sono i lavori di cui vai più fiero?

Sono due: uno è il lavoro con cui ho iniziato a collaborare con Francesca Neri cambiandole immagine, e cioè il programma tv con Celentano "Francamente me ne infischio"; ed il secondo fare i costumi per il tuo spettacolo "Fiesta" e ti assicuro che non è una sviolinata perchè sei qui!!!

(Il mio ego in questo momento balla un walzer ma faccio finta di niente…) Senti tra le dive che vesti, qual’è la più bizzosa?

Bizzosa nessuna, la più divertente direi Valeria Marini…

E’ la più bizzosa vero?

(ride!) No! Non l’ho detto!

Lo dico io dai… Senti: ed invece quella più accondiscendente, quella a cui va bene tutto quello che le metti addosso?

Francesca Neri. Lei dice: "io penso a recitare, a tutto il resto pensaci tu!"

Ma dimmi ancora qualcosa della Marini ti prego!

Che ti devo dire… Guarda: da lei ci si può aspettare di tutto! Mi ricordo che al Festival del Cinema di Venezia per la presentazione del film "Bambola"

Ahh certo! C’ero anch’io per Le Iene!! Che ridere!!

Eh! che ridere… mi ricordo benissimo anch’io!! Non gli hai dato tregua! Comunque dicevo siamo arrivati a Venezia con quattro bauli, sei valige, otto cappelliere, due beauty case, ed in un giorno d’interviste a fatto 52 cambi d’abito (compreso cambio calze, scarpe e borse)!!!

Ti suggeriamo anche  Dillo con la moda: lanciare messaggi è la tendenza dell'estate 2018!

E’ Pazza!

E’ divertente…

Peccato però che cambiandosi sempre così tanto d’abito, si è sempre dimenticata di recitare… Ma cambiamo discorso, parlami di Asia Argento.

Asia Argento era la trasgressione. Era. Adesso è una mamma dolcissima di una meravigliosa bambina. Una ragazza intelligente, che sa quello che vuole. Bella, inquietante, divertente e semplice. Asia è una ragazza semplice, attaccatissima alla famiglia.

Hai curato anche il suo di look per la trasmissione di Celentano?

No, in quell’occasione mi sono tirato indietro. Non condividevo il look che Claudia Mori voleva imporle (cioè come era la stessa Mori negli anni ’70): gonnellone a fiori, camice country ecc ecc.

Parlami di Sabrina Ferilli.

Dunque Sabrina l’ho seguita per alcuni film ma devo dire che… posso essere sincero?… non mi trovo particolarmente bene. Non condivido le sue scelte d’immagine… Sarà perchè non mi piacciono mai i ruoli che interpreta e di conseguenza non mi piace come si veste, senza mai un pò di glamour, sempre con questo personaggio "casareccio", un pò contadinotta della Ciociaria; preferisco lavorare con personaggi che giocano più con la moda. Eventualmente il personaggio un pò "casareccio" mi piace giocarlo con Manuela Arcuri con la quale ho lavorato bene.

Ela Weber?

Ela è mia sorella. Ela è la donna più buona, più divertente più..

Più rifatta..

Si, ma ci gioca moltissimo su questa storia della chirurgia plastica. Ela è una a cui piace molto far casino con gli amici. Pensa che lei è sempre a tutti i Gay Pride senza farsi pubblicità. L’anno scorso frequentava il Gay Pridpubblicitàdi Roma durante il World Pride perchè si divertiva come una matta. Un’altra donna che ammiro molto è Monica Guerritore, con la quale ho fatto "Madame Bovary". La trovo molto bella ed affascinante.

Ti suggeriamo anche  5 giacche shearling da avere adesso

E la Power?

Con lei mi sono molto divertito a cambiarle l’immagine quando si separò da Al Bano. Non era facile toglierle quell’immagine da mogliettina-cantante di "Felicità"… Mi ricordo che la prima copertina che fece subito dopo la separazione la vestii che sembrava una Spice girl! Vestita di giallo con occhiali di plastica, anche quelli gialli, capelli mossi… molto ironica!

Quindi il tuo lavoro è in stretta collaborazione con i fotografi. Qual’è quello con cui ti trovi meglio?

Si, effettivamente lavoro con molti fotografi in tutto il mondo. Ho lavorato con Helmut Newton, Andrea Rau, Barbieri ecc, ma quello con cui mi diverto di più è Marco Rossi (con lui nella foto sotto, ndr). Pensa che noi iniziamo i servizi fotografici mettendo sottofondo "Tanti Auguri" di Raffaella Carrà, il mio idolo, e tu puoi capire!!!…

Capisco perfettamente…parlami di Anna Galiena

Bellissima donna con la quale mi piace molto lavorare. Molto chic ed elegante. Carattere non molto facile.

E’ vero che gira sempre con l’analista?

No, non è vero. Anna è una salutista, non beve non fuma, però quando si lascia andare si diverte come una pazza!

Qual’è la diva che non hai vestito e che vorresti vestire?

Sono due. Una è Jessica Lange. L’altra è Barbra Straisand.

E chi invece non vorresti mai dover vestire?

Tutte le varie Veline, Letterine, Piadine…ecc. ecc.

Per salutarci, un consiglio ai lettori di Gay.it per le tendenze moda della prossima stagione.

Tendenze uomo o donna?

Tendenze gay…

Non posso! Dai gay è da dove tutti gli stilisti prendono spunto ogni secondo per le future collezioni! Sono i gay che devono dare consigli a me!! Posso solo consigliare di smettere di portare le borse..

Quali borse?..

Le famose borsesse… le zainesse, le marsupiesse… basta!!! Non le sopporto più! Però tutto il resto è da copiare!!!

di Fabio Canino