Be Proud. Be Bold. Be Yourself. La collezione Pride di Levis!

di

La campagna di Levis a sostegno della comunità LGBTQ va avanti da anni e si prefigge di sconfiggere lo stigma dell'hiv-aids.

CONDIVIDI
251 Condivisioni Facebook 251 Twitter Google WhatsApp
4597 0

Continua la campagna di Levis a sostegno della comunità LGBTQ.

 

Come l’anno scorso, o meglio, come da anni, Levis, il brand storico made in San Francisco, continua con autentico impegno a sostenere la comunità LGBTQ. La collezione Levis 2018 Pride non sarà audace nel design come ci si aspetterebbe forse, ma il principio sulla quale è stata creata è di certo nobile. Composta da varie t-shirt che recitano frasi inneggianti all’amore a alla tolleranza, comprende anche pezzi in denim come una giacca con ricamo rainbow, bermuda, jeans ovviamente e anche intimo arcobaleno.

Levis è stata la prima azienda a versare fondi a sostegno delle ricerche sanitarie per curare HIV e AIDS infatti, con un impegno che risale al 1982, quando furono i primi donatori aziendali a volere fortemente l’apertura della prima clinica al mondo per la cura dell’AIDS presso il San Francisco General Hospital. Non solo, a causa dell’epidemia, l’allora CEO, Robert Haas è stato tra i primi ad inserire questo genere di cure ai piani di assistenza sanitaria dei dipendenti nel 1987. Da sempre a favore dell’uguaglianza, Levis è stata la prima azienda a presentare un cortometraggio indirizzato alla Corte Suprema della California a favore del matrimonio omosessuale, e la prima società ad estendere i vantaggi della partnership domestica alle coppie dello stesso sesso. In totale, Levis ha contribuito con oltre 70 milioni di dollari al sostentamento di organizzazioni di prevenzione e cura HIV e AIDS in oltre 40 paesi e ha supportato enti tra cui il National Center for Lesbian Rights e Lambda Legal.

La nuova campagna di promozione, include oltre alle immagini anche una serie di video con i dipendenti di LGBTQ Levi. Quest’anno il totale ricavato delle vendite di questa collezione sarà devoluto a favore della Harvey Milk Foundation e della Stonewall Community Foundation.

 

Leggi   State of Pride, Youtube produce un documentario sui diritti LGBT+
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...