L’how to per avere una barba perfetta

di

Tre prodotti e tre mosse per una barba sempre perfetta!

CONDIVIDI
38 Condivisioni Facebook 38 Twitter Google WhatsApp
2327 2

Tre prodotti e tre mosse per una barba sempre perfetta

 

Che vi piaccia lunga, corta, con o senza baffi, è innegabile che la barba ha colonizzato i volti di milioni di uomini.

Rispolverata direttamente dagli anni ’70, questo grooming contro ogni aspettativa, continua a restare in auge, icona dell’uomo che vuole affermare orgogliosamente la propria virilità; ma, se pensate che, é solo un motivo per non radervi, avete sbagliato strada: la cura della barba (se non volete sembrare dei Gennarino Carunchio ovviamente) prevede dei passaggi quotidiani: dall’olio, al balsamo, ecco tre prodotti da avere per una barba sempre perfetta!

L’olio prima di tutto: spalmatelo sulla barba, almeno due volte alla settimana per evitare che questa assuma la consistenza del filo spinato, ed anche per idratare la pelle.
Questo di Le Labo,  a base vegetale è stato appositamente formulato per le barbe o i baffi più indisciplinati. È arricchito con Jojoba levigante, protettivo e nutriente che ha un effetto idratante sulla pelle e sui peli del viso ed ha un fresco profumo di Bergamotto, Lavanda e Tonka.
Il balsamo è fondamentale in caso di barbe lunghe: quindi, oltre all’olio, assicuratevi di aggiungerlo al vostro grooming giornaliero. La formula nutriente di questo balsamo di Tom Ford con Vitamina E, Mandorla e Vinaccioli si mescola con il profumo della linea “Oud Wood” in un mix che oltre ad ammorbidire regala una fragranza calda e perfetta per questa stagione.
Per completare, o meglio, per iniziare l’opera, un detergente cremoso che rimette in ordine la barba e si prende cura della pelle del viso quotidianamente è quello che ci vuole: questo di Lush contiene succo fresco di ananas, ricco di enzimi, per detergere e illuminare e l’olio di mandorle e jojoba che lasciano la barba soffice e facile da sistemare.

 

 

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...