INTIMO DA MOSTRARE

Elastico che spunta e marca bene in vista. Stretto low-rise oppure largo e comodo. Slip e boxer sono diventati un accessorio di rilevo da abbinare col resto dell’abbigliamento.

“Dimmi che intimo porti e ti dirò chi sei” è un po’ il motto di chi ritiene che anche dietro la scelta di questi capi vi siano legami con la personalità. In ogni caso, aldilà di ogni possibile risvolto psicologico, è pur vero che oggi, rispetto al passato, l’underwear occupa una posizione più importante: mentre prima stava solo “sotto” e poco importava che fosse appropriato, oggi è un capo a completamento del look, un vero e proprio accessorio. Si operano scelte e abbinamenti.

Pezzo forte: le mutande. slip, boxer o qualsiasi altra forma questo capo assuma, le alternative sono moltissime.

La maggior parte dei modelli sono a vita bassa, coerentemente con il resto del vestiario; quelli di Aussiebum, ad esempio, raggiungono livelli estremamente low.

Tuttavia è diffusissima la tendenza (discutibile a mio parere) dell’elastico alto con marchio ben in vista. La marca ostentata che spunta dai jeans si affianca all’orientamento per così dire “rapper” o “skater”: slip e boxer molto ampi in cui il livello della vita si alza notevolmente.

Situazione analoga anche per i volumi: da un lato assumono forme attillate e minimal, in modo che la biancheria occupi lo spazio essenziale e non risulti ingrombrante nei pantaloni; per chi invece ama la comodità, le dimensioni sono ampie, lasciando tutta la libertà necessaria.

Ti suggeriamo anche  Pelliccia (eco) da uomo? Ecco quali scegliere questa stagione.

Ce n’è per tutti i gusti, e l’espressione diventa letterale se si considerano gli slip Essence al ginseng

Continua in seconda pagina^d

Ce n’è per tutti i gusti, e l’espressione diventa letterale se si considerano gli slip Essence al ginseng di marca Aussiebum. Questo particolare capo contiene delle microcapsule a rilascio lento che apportano beneficio alla pelle, rivitalizzandola grazie agli estratti della radice cinese. Un prodotto in linea con l’attuale orientamento del mercato: si punta alla realizzazione di indumenti tecnologicamente all’avanguardia, risultato di studi specifici che accostano vantaggi ulteriori ed innovativi a quelli per cui il capo è originariamente pensato; basti pensare alla diffusione di jersey, lycra e microfibre come nuovi tessuti particolarmente adatti a dare più comfort all’intimo.

Quanto ai colori, le formule sono tantissime e si allontanano sempre di più dalle trame usuali: le tinte unite assumono toni molto accesi, magari con bordi in contrasto;

le fantasie vanno da stampe estremamente eccentriche come quelle di Intisimissimi, alle righe che sopolano in più tonalità e larghezze. Da evitare assolutamente le stampe cupe che richiamano a tratti la biancheria del nonno. A proposito di colore, degna di nota quella sorta di

allergia generalizzata per il bianco, come se il suo utilizzo nell’intimo fosse una specie di eresia: in realtà il bianco mantiene il suo fascino ed è il più adatto all’underwear; D&G come Dsquared2 ne hanno fatto una scelta.

Ti suggeriamo anche  Burberry cambia il suo storico tessuto: trama rainbow a sostegno della comunità LGBT

In abbinamento a slip e boxer le magliette e le canottiere. Tuttavia, dato il livello di elaborazione che i vari marchi hanno concentrato nella loro realizzazione, non mostrare l’intimo sarebbe un vero peccato, motivo per cui slip e boxer vengono spesso utilizzati come veri e propri indumenti.

Anche l’underwear dunque ha le sue regole e allora è meglio seguirle. Sarebbe un vero peccato esser mal giudicati solo per un paio di mutande.

Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Moda e Abbigliamento.

di Andrea Marrama