MA CHE BRAVO, LA FIAT RIPARTE!

di

Due modelli metteranno la casa automobilistica torinese al centro dell’attenzione dei consumatori: appena lanciata la nuova Bravo, ma l’attesa è per la 500 che uscirà a luglio…

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1251 0

Dopo anni di crisi, la Fabbrica Italiana Automobili Torino torna ad essere un fiore all’occhiello dell’industria italiana. Negli ultimi mesi ha sfornato modelli di grande appeal, come la nuova Panda e la grande Punto, risultata nel 2006 l’auto più venduta in Europa con oltre 386mila esemplari. Ma la casa torinese non si crogiola certo sugli allori e nel 2007 punta su altri due modelli pensati per soddisfare settori completamente diversi di clientela: la “Bravo” e l’attesissima nuova “500”.
Motore e stile d’alto livello

La prima, nelle concessionarie dal 3 febbraio, punta su comfort e buone prestazioni ed è pensata per un automobilista molto particolare, come riconosce lo stesso Luca De Meo, capo del marchio: “È la vettura che conclude una prima fase di rinascita della Fiat – ha detto in occasione del lancio della vettura avvenuto nello Stadio dei Marmi di Roma con 800 invitati fra giornalisti e concessionari, uno spettacolo del Cirque du Soleil e le canzoni dal vivo di Gianna Nannini – In questo segmento è molto più difficile soddisfare le esigenze dei clienti, ma ci sono in palio tre milioni di clienti in tutta Europa e qui si possono fare grandi volumi e grandi margini di guadagno”.
“Con questa macchina – ha aggiunto l’amministratore delegato Sergio Marchionne – vedremo quel che veramente è capace di fare la Fiat. La concorrenza Toyota non ci spaventa, poiché con questa ‘Bravo’ abbiamo raggiunto una qualità superiore alla media europea e con la prossima ‘500’ supereremo quella di Toyota. Ci stiamo preparando alla sfida non solo sul suolo italiano ma su quello continentale”.
Come in un aereo

I dirigenti hanno raccontato che per la “Bravo” sono state impiegate tecniche di progettazione virtuale usate finora solo nell’industria aeronautica. E i risultati si vedono: la posizione di guida è finalmente comoda, anche per chi deve fare centinaia di chilometri senza soste, e gli spazi interni sono ampi sia per i passeggeri che per i bagagli con i suoi 400 litri di capacità di carico. Insomma non ci sono più quelle imperfezioni che avevano contrassegnato alcuni modelli recenti della Fiat. Per quanto riguarda i motori, sono attualmente disponibili tre configurazioni, un benzina 1.4 da 90 CV e due turbodiesel 1.9 da 120 e 150 CV, ma prestissimo arriveranno anche altri due motori benzina con potenza analoga ai turbodiesel. Nel 2009, infine, dovrebbe essere lanciata anche una versione station wagon.
Per i prezzi si parte da 14.900 euro ma a questa cifra si può avere solo la versione base del benzina da 90 CV, una configurazione che non attira molto, tanto che anche Fiat ha previsto che rappresenterà solo l’1% del totale delle vendite. Con qualche migliaio di euro in più si possono avere versione sempre più accessoriate, fino ad arrivare agli allestimenti Emotion della turbodiesel 1.9 da 120 CV a 21.400 euro e Sport per quella da 150 CV a 22.800 euro. Tra le “figate” della nuova “Bravo” si fa notare la porta USB dove collegare il lettore mp3 portatile e godersi la propria musica nella più totale comodità.
Ma veniamo a quello che non a torto potremmo considerare il modello più atteso del 2007, la nuova “500”.
continua in seconda pagina^d

Ma veniamo a quello che non a torto potremmo considerare il modello più atteso del 2007, la nuova “500”. Sviluppata anche grazie all’accordo con la Ford che parallelamente ha elaborato molte novità per la Ka che sarà presentata nel 2008, la nuova “500” ha una linea simile alla cugina targata Ford. Linee tondeggianti, forme compatte e look giovanile garantiscono un forte appeal reso ancora più irresistibile da una enorme gamma di possibili personalizzazioni. Al momento naturalmente non si hanno specifiche tecniche ufficiali; si sa che la “500” uscirà dagli stabilimenti polacchi che hanno già sfornato la Seicento e la Panda, e si vocifera di una versione Abarth e persino di una cabrio.
Per ora, una vettura virtuale

Ciò che più colpisce è l’imponente iniziativa di marketing che il gruppo Fiat è stato in grado di mettere in campo per preparare il terreno alla piccola che verrà: un sito appositamente dedicato, www.fiat500.com, permette di interagire con i progettisti proponendo versioni e accessori, di partecipare a concorsi e persino di suggerire le linee guida della campagna pubblicitaria. A giudicare dalle opzioni proposte nel sito, la “500” potrà assumere il carattere vintage o futurista a seconda delle configurazioni scelte; mentre alcuni elementi, come il marchio sul frontalino o il contachilometri tondeggiante, ripropongono evidentemente le cifre stilistiche della vecchia Cinquecento, altri optional, come il porta-lettore mp3 o le piccole luci che delineano la parte inferiore dell’abitacolo, lanciano una immagine decisamente più innovativa.
Per scoprire quali sorprese nasconderà la piccola Fiat non ci resta che aspettare; ormai manca poco a luglio, mese in cui avverrà il lancio della nuova vettura. Che sicuramente non mancherà di far parlare di sé.
Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Motori.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...