MILANO MODA UOMO: GLI STILISTI AMMICCANO AL MONDO GAY

I protagonisti della settimana della moda raccontano il fil rouge che lega passerelle e omosessualità. Sfilate senza Ferrè. D&G sfila fuori programma ufficiale.

«

Le strade di Milano sono piene di modelli da tutto il mondo, in questi giorni, per il via della settimana della moda maschile, che si concluderà il 27 giugno. A sfilare una cinquantina tra stilisti e fashion brand: alcuni celebri in tutto il mondo come Armani, Versace, Dolce & Gabbana e Cavalli, altri emergenti. Sulle passerelle, c’è la moda primavera-estate: sexy, con i modelli svestiti che lasciano l’immaginazione libera di volare, molto più delle collezioni autunno-inverno, più sobrie. Tra il pubblico, giornalisti e buyer da tutto il mondo, oltre a una dose di imboscati a caccia di foto-ricordo e autografi.

Il mondo della moda ha un rapporto ambiguo con l’omosessualità. E’ un contesto professionale che da sempre ha attratto molti uomini gay che hanno influenzato notevolmente il modo con cui anche i maschi etero si vestono oggi. Eppure, sebbene “tutti sapessero”, molti stilisti affermati si sono nascosti per decenni dietro veri e propri segreti di pulcinella prima di confessare al mondo di essere

gay. Gli uomini gay, per contro, amano la moda e, con le loro scelte di stile, influenzano i trend che alla fine anche gli etero adotteranno. Secondo alcuni, oggi non è più possibile distinguere gay ed etero dall’abbigliamento. In un’era di confini fluidi, abbiamo voluto chiedere ad alcuni stilisti cosa pensano del rapporto tra moda e omosessualità.

Gaetano Navarra ci accoglie in backstage sorridendo e non ha problemi a dirci che è gay, e che è felicemente fidanzato ormai da più di dieci anni. La sua collezione è solare, con colori dinamici e

fluo e tessuti tecnologici, è pensata per giovani uomini che amano superare le sfide e non si fanno intimorire dalle convenzioni. Lo stilista bolognese esorta infatti tutti, etero e gay, «a essere liberi e a fregarsene del giudizio degli altri», sia nelle scelte di stile che in quelle di vita. Pochi minuti prima, a fine sfilata, era uscito in passerella a ricevere gli applausi del pubblico tenendo teneramente in braccio un neonato: nel giorno del Gay Pride milanese, è stato un bel simbolo del desiderio di paternità di tanti maschi gay.

Da Costume National ci accoglie lo stilista Ennio Capasa che, per quanto etero, non fa fatica a riconoscere che «una parte della moda è gay» e al suo interno ci sono molti talenti creativi che hanno fatto tantissimo per la moda. «Ho sempre cercato di femminilizzare la moda maschile», ci dice, «e di pensare a un uomo che è in contatto con i suoi sentimenti» e forse proprio per questo il brand ha tanti Ho sempre cercato di femminilizzare la moda maschile e di pensare a un uomo in contatto con i suoi sentimenticlienti gay affezionatissimi. Ormai, continua lo stilista pugliese, «quella tra etero e gay è una barriera che si sta sempre più rompendo». E va avanti raccontandoci di quando, a 14 anni, andava in giro con una pelliccia di marmotta con collo di volpe, suscitando grida di scandalo da parte di chi scambiò un fashion statement per chiaro segno di omosessualità. E continua «occorre essere liberi, ma per fortuna oggi ci sono sensibilità evolute» anche tra i maschi etero.

A Carlo Pignatelli, in occasione della sfilata per la sua collezione di abiti maschili da cerimonia, chiediamo come vestirebbe una coppia di uomini gay per un Dico o un Pacs. Ci risponde che i suoi abiti da sposo sono «un po’ eccentrici» e non fanno fatica ad incontrare il gusto della comunità gay. In passerella sfila infatti una collezione

ispirata ai maharajah indiani, con decorazioni di sicuro impatto e bottoni, spille, gemelli e spille incrostate di Swarovski, gemme e pietre dure. Del resto allo stilista, torinese d’adozione, è già successo di creare abiti per una cerimonia di nozze per una coppia di ragazzi inglesi. Porte aperte anche per gli italiani, dunque.

di Diego Erre

Storie

“Dietro le sardine la lobby gay”, l’attacco di Don Alfredo Maria Morselli

"Lobby gay e movimenti giovanili più o meno ecologisti, manovrati dai poteri forti". L'attacco di un parroco di Bologna alle sardine.

di Federico Boni