MODA DA MOTO

di

Se scegliete le due ruote per muovervi in città anche d’inverno, non potete non proteggervi adeguatamente. Ecco le regole da seguire per arrivare in ufficio sani e asciutti.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
3165 0

Pelle, gomma, goretex. Avere una moto non significa solo muoversi su due ruote ma anche vestirsi da motociclista o semplicemente dotarsi di tutti quegli accessori che permettono di muoversi con il cattivo tempo. Anche con uno scooter, che è ancora il mezzo più indicato per gli spostamenti in città. La protezione dalle intemperie offerta da questi veicoli non ha paragoni con quella di qualsiasi moto e con qualche piccolo accorgimento è possibile muoversi senza bagnarsi neanche un po’.

Parabrezza e scudo costituiscono infatti una ottima barriera a freddo e pioggia e se poi si utilizza anche una copertina per le gambe, si possono compiere tragitti anche lunghi quando piove e arrivare eleganti e asciutti come si è partiti. Ve ne sono per moto e per scooter: la marca leader in questo campo è sicuramente la Tucano, ma ne esistono di varie marche e modelli adatti a tutti i tipi di scooter e di moto.

Per garantirsi una vera tenuta stagna, vanno utilizzate in accoppiata con i pantaloni antipioggia e magari anche i copristivali che potrete poi togliere una volta arrivati in ufficio. L’unico inconveniente è dato dalle fastidiose pieghe sui pantaloni che sanno tanto di stiratura imperfetta. Un piccolo prezzo da pagare per godersi una giornata asciutta e agile nel traffico.

Rimane da risolvere il problema della parte superiore del corpo: oggi esistono diversi modelli di giacche ideate appositamente per i viaggi in moto in città, giacche impermeabili che garantiscono la giusta protezione dalla pioggia senza rinunciare all’eleganza. L’unico problema può essere il prezzo che generalmente va molto su. E visto che la spesa è piuttosto sostenuta, assicuratevi di acquistare un capo che risponda alle vostre esigenze: prendetelo di una misura più grande, in modo da poterlo indossare anche sopra la giacca, verificate l’impermeabilità, scegliete modelli con collo alto per una buona protezione e taglio di tipo tre quarti in modo da non lasciar svolazzare la giacca e scoprire i reni. Infine occhio ai polsini: controllate che siano a soffietto in modo da permettervi di infilarvi sotto i guanti.

Per quanto riguarda le marche c’è l’imbarazzo della scelta…

continua in seconda pagina^d

Per quanto riguarda le marche c’è l’imbarazzo della scelta: a partire dalla Dainese la cui mission è “proteggere l’uomo dalla testa ai piedi nella pratica di sport dinamici”. L’azienda di Vicenza è leader del settore a livello nazionale e vanta produzione, oltre che di abbigliamento completo per moto, anche di caschi e accessori. Molto quotate anche la url_inthttp://www.alpinestars.com/”>Alpinestars, più specializzata in capi per motociclisti professionisti, o la Spidi che vanta un enorme assortimento di accessori.

Se invece vi piace un look un po’ vintage, date un’occhiata ai capi Brema, storico marchio italiano caduto in disgrazia che ora torna sul mercato con prodotti di alta qualità.

I motociclisti, poi, preferiscono spesso scegliere capi della stessa marca della moto; è una passione che si riconferma, una specie di segno di appartenenza alla tribù. Il ducatista Doc, ad esempio, sceglierà abbigliamento Ducati per rendersi riconoscibile. Magari comprandolo nell’Outlet che l’azienda bolognese ha aperto il 9 dicembre a Castelguelfo alla presenza di Loris Capirossi; 180 metri quadri di giacche, tute, pantaloni e merchandising made in Ducati!

Ma tornando alla nostra tenuta da pioggia, ci resta ancora da proteggere mani e testa. Per le prime, sono assolutamente da evitare i guanti di lana o di seta; molto meglio un paio di guantoni invernali impermeabili che saranno anche meno eleganti ma garantiscono una protezione imbattibile. Scegliete un modello abbastanza lungo, che vi consenta di infilarli sotto il polsino della giacca. Se poi volete una tenuta all’acqua completa, potete comprare anche dei coprimani, quei sacchetti neri non proprio belli da vedere ma così comodi, che si applicano al manubrio e permettono di infilarvi non solo il guanto ma anche una parte dell’avambraccio.

Per quanto riguarda il casco, il modello che unisce praticità e protezione è il demi jet con la visiera lunga fino al mento che, grazie all’apertura nella parte inferiore, impedisce fastidiosi appannamenti della visiera. Per tenervi più caldi, scegliete anche un sottocasco di quelli lunghi che si infilano comodamente sotto la giacca.

Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Motori.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...