Panda Aria: la concept di casa Fiat, nel nome dell’ambiente

Sarà presentata al Salone di Francoforte la settimana prossima in anteprima mondiale assoluta. La novità dell’azienda torinese associa ecologia e hi-tech, riducendo consumi ed emissioni inquinanti.

Non c’è dubbio. A leggere le cronache degli ultimi mesi pare proprio che la crisi che qualche hanno fa sembrava mettere a rischio la Fiat sia superata. La casa torinese, infatti, sforna novità a un ritmo davvero impressionante. La prossima in programma, sarà presentata all’edizione 2007 del salone di Francoforte che aprirà i battenti il prossimo 13 settembre.

Stiamo parlando della nuova Panda Aria, al suo debutto in anteprima mondiale. Il messaggio che l’azienda vuole mandare è quello di un impegno a favore dell’ambiente e contro l’inquinamento. 

Certo, la nuova concept car di casa Agnelli non va davvero ad aria, ma sicuramente riduce i consumi e le emissioni di Co2 (fino ad arrivare a 69 g/km ), il nemico numero uno delle nostre città. Il tutto grazie al nuovo e attesissimo  SGE, il piccolo motore bicilindrico da 900cc turbo benzina capace di potenze fino a 105 cv, con tecnologia MultiAir, la possibilità di funzionare anche con una miscela di metano ed idrogeno e la tecnologia Stop & Start, quella che spegne automaticamente il motore in caso di soste ai semafori o ingorghi stradali e lo riaccende immediatamente quando si inserisce la marcia o si rilascia il freno, garantendo un risparmio in città del 10% del carburante. Ma c’è di più.

Tutti i materiali utilizzati sono riciclati o riciclabili, a bassissimo impatto ambientale, insomma. Gli interni, ad esempio, saranno tutti in cotone, lino e intrecci di cocco, mentre le pannellature esterne sono in eco-resina semitrasparente e verniciatura della struttura in “totouch” opaco. Dite che non basta?

Beh, potremmo parlare degli innovativi pneumatici sperimentali Pirelli “ultraverdi”, caratterizzati da nuove mescole e nuove gommature tessuti AOF (Aromatic Oil Free) che garantiscono una ridotta resistenza al rotolamento senza che si perda nulla in termini di sicurezza, ovvero di spazio di arresto in frenata e gestione dell’auto sia sull’asciutto che sul bagnato. In più il motore, oltre ad avere un volume ridotto, è costruito interamente in acciai di nuova generazione ad alta resistenza e le bombole per lo stoccaggio del metano sono in acciaio ad elevata prestazione e fibra di carbonio.

E se ancora non fosse sufficiente, anche il sistema di climatizzazione è a basso consumo energetico.

Qualcuno starà pensando che a qualcosa avranno dovuto rinunciare, forse alla tecnologia. Si sbaglia. La Panda Aria è dotata di un sistema telematico che si basa sull’impiego del sistema

Blue&Me. La novità è che questo sistema permette di registrare su una normalissima chiavetta USB i dati relativi ai consumi e alle emissioni dei vostri viaggi. Una volta a casa, potrete scaricare e analizzare i dati sul vostro PC: un programma in grado di analizzare il vostro stile di vita, vi darà suggerimenti su come guidare in modo più “ecologico”.