QUESTO ALBERGO È COSÌ FASHION

di

Stanza, stanza delle mie brame quale è la più bella del reame? Esplode la manie dei nuovi arredamenti d'albergo. Ecco qualche indirizzo dove poter trovare le stranezze tanto...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
2197 0

Oscar Wilde amava dire che ogni uomo doveva fare della propria vita un opera d’arte e su questo stilema scrisse un libro come Il ritratto di Dorian Gray. In Italia, due decenni dopo, Gabriele D’Annuzio seguiva le dritte del collega inglese e cristallizzando la sua vita come se fosse in un operà di Gaudì, ma non solo quella, anche il suo"involucro", sbizzarrendosi nell’arredamento del suo Vittoriale. All’epoca fu ritenuto weirdo possedere una casa dove ogni stanza era modellata su di uno stile differente, mentre oggi è una realtà ampiamente quotata (anche in borsa). Se alcuni, andando in un paese straniero, sono dell’idea che il massimo dello chic sia soggiornare nei blasonati e oramai mainstream hotels, tipo Carlton o Ritz, beh è arrivato il momento di darsi una poderosa svecchiata, e optare per lo stesso prezzo verso soggiorni-esperienza davvero notevoli. Il concetto di Art design è una realtà vibrante e in febbrile espansione e occupa uno spazio a sé proprio in relazione agli alberghi, dove il concetto di lusso non fa più rima con comfort ma con arte. In questi luoghi ogni stanza è un mondo a parte con creazioni esclusive ed uniche, dove sembrerà difficile pensare che si possa dormire e mangiare lì tanto sarà forte la voglia di prendere la macchina fotografica e immortalare. Da Madrid a Tokio, passando per Parigi e Londra, impazza la tendenza degli hotels con stanze a tema, ognuna una creazione differente e quindi uno stile unico che si riflette nello stylish non solo dell’arredamento ma anche dei beni di uso più comune, come saponi e lenzuola, il tutto naturalmente contrassegnato dal massimo dell’eleganza e della professionalità.

La nuova frontiera dell’art decò viene imprigionata tra quattro mura, ad opera di artisti emergenti e di coraggiosi imprenditori; un esempio lampante è senza dubbio l’Hotel Fox a Copenaghen. Qui c’è l’imbarazzo della scelta, ben 61 stanze e altrettanti mondi da esplorare: si passa dalla stanza con le rifiniture gotiche a quella con una vera tenda da camping all’interno, dalla stanza rosa simil Barbie degli albori a quella con le decorazioni in stile graffiti delle fiabe.

Se non volete rischiare uno shock allora vi consigliamo il più sobrio, ma comunque innovativo, Hotel du petit Moulin di Parigi, dove il geniale stilista Cristian Lacroix ha dato nuova vita ad una antica costruzione del diciassettesimo secolo, decorando personalmente le sole 17 suite con uno stile che va dal barocco allo zen, non senza considerare il tocco tipicamente bohemien della zona. Il risultato è come sempre molto francese, ovvero elegante e stravagante allo stesso tempo, in cui passato e presente si fondono in maniera impeccabile.Se siete i tipi che preferiscono soggiornare fuori dalle grandi città, nelle zone della più tranquilla periferia….Continua in seconda pagina^dSe siete i tipi che preferiscono soggiornare fuori dalle grandi città, nelle zone della più tranquilla periferia, allora vi conviene fare una capatina allo splendido Lutes Suites in Olanda. A solo un quarto d’ora da Amsterdam, nella piccola cittadina di Ouderkerk, l’interior designer svedese Marcel Wanders ha trasformato questa rustica bicocca contadina in un complesso di sette ambienti totalmente differenti ed extralusso: stanze da letto con pareti imbottite, bagni intarsiati e cucine tempestate di Swarosky. Che cosa si potrebbe volere di più?

Se non volete andare in giro per musei e preferite avere tutto senza muovere un dito, magari rimanendo comodamente stravaccati nel vostro lettone, allora conviene fare sosta al Daddy Long Legs di Capetown in Sud Africa. Qui ogni stanza è ideata da artisti locali (poeti, musicisti, fotografi ecc ecc) che si sono ispirati alle bellezze del luogo e hanno reso la città uno dei cuori pulsanti della cultura africana: si passa dalle atmosfere total white della sabbia a quelle porpora dei tramonti.All’Hotel Puertamerica di Madrid vi sembrerà di essere sbarcati su una navicella spaziale. Linee rigorose e lisce, pareti riflettenti e essenzialità high tech rendono questo complesso formato da 308 stanze e 34 suites; la location perfetta per il nuovo Star Wars.Avete nostalgia delle atmosfere anni 60/70, delle forme morbide e dei colori forti e alternativi? Rimanete in Italia allora, e per le vostre vacanze prenotate una stanza nell’Hotel Miss Sixty di Riccione. Seguendo le linee del brand, trenta differenti artisti hanno creato una struttura irriverente e a dimensione familiare dove fuorieggiano scritte sui muri e decorazione sui sanitari.

Se il vostro animo ha una punta rocchettara e un po’ tamarra, allora non sbaglierete hotel con il Pelirocco di Brighton. Dicono sia frequentato da ragazzaccie miliardarie come Kate Moss e infatti lo stile ne rispecchia l’animo: bagni piastrellati d’azzurro con le pareti fuxia e specchi ovali giganti, stanze da letto stile motel americano da film on-the-road. Decisamente consigliato a i tipi street, mentre per chi ha l’animo new age non possiamo non consigliare lo stiloso Propeller Island City Lodge di Berlino.

Vi sentirete come Alice nel paese delle meraviglie in questo complesso di 32 stanze con decorazioni che si ispirano a Pollock, ma attenzione, alcune scelte stilistiche sono decisamente nerds, come il letto/bara, bianco con scritte nere, o le stanze relax arancioni e beige.Se questo piccolo tour vi affascina non vi resta che prenotare le vostre vacanze in uno di questi alberghi, tenendo presente un piccolo particolare: utilizzare la suite solo per dormire vi sembrerà uno sperpero dati i prezzi esorbitanti. Ogni tanto uscite anche a visitare la città.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...