TECNOLOGIA FIRMATA

di

Le grandi firme "vestono" le chicche tecnologiche più in voga. E a volte le coprono. Cellulari, macchine, I-pod, PC. Ecco una panoramica su cosa c'è in circolazione.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1366 0

Oggetti e marchingegni elettronici ci accompagnano nella vita quotidiana. A volte ingombranti altre volte antiestetici, i gioielli della tecnologia possono abbinarsi difficilmente col resto del nostro look. È forse questo il motivo per cui col tempo si è creato un binomio, diventato oggi inossidabile, tra tecnologia e moda: quando non sono i tessuti traspiranti o i materiali innovativi a mettersi al servizio della moda, è lei a prestare il proprio gusto all’hi-tech.

Nel campo dei cellulari sono degni di nota i modelli ultra-fashion proposti da Nokia, ora giunti alla loro seconda edizione denominata L’amour collection in toni floreali: un nuovo concetto di telefonino in cui il design ha la meglio rispetto al software e alle prestazioni (una conferma del detto “per belli apparire…”). Una delle ultime trovate è stata la collaborazione tra gli stilisti delle griffe e le case di telefonia cellulare: così Roberto Cavalli rende zebrato un LG proposto da Tre, mentre Domenico Dolce e Stefano Gabbana, dopo le esperienze con la carozzeria delle Citroen C3, continuano con i fuori programma firmando una versione dorata ed estremamente glamour del

MotoRazr V3i, con tanto di auricolare abbinato; i due stilisti hanno addirittura prestato il loro volto per la campagna firmata Jean Baptiste Mondino.

Fin qui, però, siamo davanti ad un’orma, un appoggio prestato dalla moda alla causa del marketing per nuovi prodotti.

Quando, al contrario, è la moda che crea e mette i suoi strumenti al servizio della tecnologia, il risultato è la trasformazione di un oggetto, da freddo risultato della modernità ad esemplari assolutamente to die for.

Rimanendo in tema di cellulari, ad esempio, come poter resistere alla tentazione di mettere il proprio mobile in una custodia griffata?

Continua in seconda pagina^d

Rimanendo in tema di cellulari, ad esempio, come poter resistere alla tentazione di mettere il proprio mobile in una custodia griffata? Irresistibili quelle decorate dai monogrammi celebri, magari in abbinamento alla cintura o alle scarpe; Gucci e Louis Vuitton hanno creato due modelli molto simili fra loro, dorato il primo e nel tipico Monogram Canvas il secondo, entrambi con strappo sul davanti e chiusura in metallo: dei veri e propri oggettini che trasudano lusso.

Per il lancio della Playstation Portable, qualche mese fa è stato organizzato un vero e proprio fashion show in cui erano presenti VIP come Paris Hilton e Naomi Campbell. Protagonista la console ma anche i diversi modelli di custodie rigorosamente abbinate agli abiti.

Che dire di chi è costretto a viaggiare spesso col proprio PC portatile? Una scomodità che diventa più leggera da sopportare se usiamo la PC Case Damier di Louis Vuitton.

Inoltre, dopo l'”ipod-boom” era indispensabile che, di riflesso, nascessero i relativi porta-ipod, tanto utili quanto, per questo, assolutamente indispensabili.

Nati per il gusto di distinguere il proprio da quello degli altri ma anche per dare un contributo personale ad un aspetto troppo uniforme, i porta-ipod sono diventati un must fra chi ne possiede uno. Ogni misura ha il proprio contenitore e il contributo viene ancora da Louis Vuitton e Gucci. Una sua versione la offre anche Dior.

La maison francese si sbizzarisce anche con le custodie a cui gli altri non hanno pensato. Un esempio? I porta-fotocamera, i porta-cd e addirittura i porta-chiave USB e memory cards. Una collezione di accessori il cui nome suggerisce l’oggetto d’interesse: Dior Digital.

Leggi   Tom of Finland Foundation lancia un'edizione limitata con CDLP

Basta chiedere, dunque, per rendere il proprio oggetto un oggetto di culto. Il proprio gioiello, un gioiello firmato.

Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Moda e Abbigliamento.

di Andrea Marrama

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...