Comprereste un paio di Stan Smith a 600 euro? La provocazione firmata Vetements

di

Il ritorno, sotto tutta un'altra veste e un altro prezzo, di un grande classico.

stan smith
CONDIVIDI
38 Condivisioni Facebook 38 Twitter Google WhatsApp
6359 1

Le nuove sneakers di Vetements che hanno tutta l’aria di essere delle Stan Smith, quelle che una volta furono le regine delle sneakers.

Dal 2014 fino al 2016 le Adidas Stan Smith sono state per certo le sneakers più cool del pianeta. Un ritorno dagli anni ’70, riviste nei primi 2000 e tornate di moda quindici anni dopo.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Vendute al dettaglio per 80 euro ed indossate praticamente da tutti, da Pharrell a Raf Simons. Oggi, anche se ancora in voga, le Stan Smiths hanno perso un po’ del loro splendore e non sorprende che sia proprio Vetements a proporre una delle versioni più costose a loro ispirate.

Vetements non è certo il primo marchio ad ispirarsi al design classico di Adidas. Da Visvim, a Givenchy, da Dolce e Gabbana a Skechers, la famosa sneakers ha proprio conquistato tutti negli scorsi anni. Vetements prendendo spunto da una semplice sneaker bianca con un tocco di colore sul tallone, sostituisce alle tre strisce perforate un disegno all over che forma il nome del brand, uno dei più cool del momento.

SS18 www.matchesfashion.com @matchesfashion

Un post condiviso da VETEMENTS (@vetements_official) in data:

Ovviamente sono disponibili in blu, rosso e verde, come le tre versioni originali offerte da Stan Smith. Un mix tra il copia incolla e il troll, tipico di Demna Gvasalia che ama giocare con la moda e provocare con capi eclettici e fuori dal comune, venduto a 600 euro.

La buona notizia è che questa versione ha riportato il modello di Adidas tra i più desiderati del momento… per chi invece volesse puntare sulla teoria di Vetements, ovvero trasformare gli indumenti quotidiani in capi di alta moda, allora non c’è modo migliore di farlo con queste sneakers.

Leggi   Gli scatti di Pantelis World per il magazine di moda Coutis
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...