Tra i 24 concorrenti in gara, quelli più LGBT sono 7.

E’ ormai tutto pronto per Sanremo 2019. Il Festival della Canzone Italiana quest’anno ospiterà sul palco dell’Ariston 24 concorrenti. Siamo andati a controllare quanti (e quali) tra questi sono i più gay-friendly. E ne abbiamo selezionato 7. Ecco chi e perché sono quelli più “pro-LGBT” di questa 69esima edizione.

I cantanti gay-friendly di Sanremo 2019

Ti suggeriamo anche  Sanremo 2019 - Le pagelle ai look della seconda serata
Anna Tatangelo 1/14 Anna Tatangelo
La prima volta sul palco dell'Ariston avviene nel 2002, nella categoria Nuove Proposte, vincendo Sanremo Giovani. Si presenterà al Festival del 2019 con "Le nostre anime di notte".
Anna Tatangelo 2/14 Anna Tatangelo
Ha fatto scalpore il brano "Il Mio Amico", dedicato al suo truccatore, che qualche anno fa ha avviato il processo di transizione per cambiare sesso.
Paola Turci 3/14 Paola Turci
Dal 1986, ha pubblicato 17 album in tutto. Dopo il terribile incidente del 1993, ha sempre preferito un taglio che coprisse le ferite sul volto. Solo dopo alcuni anni ha deciso di parlare di quanto accaduto. Quest'anno canterà "L’ultimo ostacolo".
Paola Turci 4/14 Paola Turci
Madrina del Bologna Pride nel 2015, nel 2017 si è presentata sul palco in Piazza del Popolo a Roma per richiedere pari diritti per la comunità LGBT. Da anni si vocifera sulla sua presunta omosessualità, ma ha più volte ribadito di non essere lesbica. Ma di uomini... nemmeno a parlarne!
Loredana Bertè 5/14 Loredana Bertè
Cantante degli anni '70 e '80, volutamente provocante, ambiziosa. Ha fatto la storia della musica italiana, sparendo per 10 anni, dal 1989 al 2000, a causa di una grave depressione. Per tornare poi più forte di prima. A Sanremo, si presenterà con "Cosa ti aspetti da me".
Loredana Bertè 6/14 Loredana Bertè
Icona gay per eccellenza per il suo carattere diverso dalle cantanti dell'epoca. Nel 2016, è stata invitata al Gay Village di Roma, e dopo la sua comparsa si è lanciata in un concerto a sorpresa.
Motta 7/14 Motta
Motta ha iniziato la sua attività nel 2006, pubblicando in questi anni due album. Quella di stasera sarà la sua prima apparizione a Sanremo, con "Dov’è l’Italia".
Motta 8/14 Motta
Con l'appoggio di Riccardo Sinigallia dei Tiromancino, ha scritto nel 2016 "Sei Bella Davvero", un brano dedicata a una donna transessuale.
Patty Pravo 9/14 Patty Pravo
Con 110 milioni di dischi venduti, è seconda solo a Mina. Salirà sul palco dell'Ariston assieme a Briga e "Un po’ come la vita".
Patty Pravo 10/14 Patty Pravo
Icona gay indiscussa, si è sempre battuta per i diritti LGBT. Nel 2016, nel video del brano "Cieli Immensi", ha inserito anche una coppia di ragazzi gay, mentre nel 2011 ha invitato tutti a partecipare all'Europride, che quell'anno si teneva a Roma.
Arisa 11/14 Arisa
Arisa ha spopolato nel 2009 a Sanremo vincendo la gara nella categoria Nuove Proposte con il brano “Sincerità“. Torna poi nel 2010 con “Malamoreno” guadagnando il nono posto. Nel 2012, ottiene il secondo posto con la canzone “La Notte”. Il primo posto lo ottiene nel 2014, con "Controvento". Quest’anno torna al Festival con “Mi Sento Bene“.
Arisa 12/14 Arisa
Ha affermato di essere sempre stata incuriosita dal sesso femminile, ma solo dal punto di vista teorico, mettendo fine alle voci sulla sua omosessualità. Nel corso degli anni si è dimostrata una delle cantanti più gay-friendly, con "Gli amanti sono pazzi", brano che racconta di una ragazza che si innamoro della nuova fidanzata del suo ex. E con "Minidonna", dedicata a Tina, una ragazza transessuale con cui si intratteneva mentre tornava a casa, dopo il turno serale al bar dove lavorava.
Mahmood 13/14 Mahmood
Italo-egiziano, nel 2016 si è presentato a Sanremo ottenendo un gran successo. Torna alla 69esima edizione con il brano "Soldi".
Mahmood 14/14 Mahmood
Dopo l'intervista a Gay.it, molti giornali parlarono di un suo coming out. In realtà, non ha mai reso pubblico il suo orientamento. Lui stesso ha spiegato che gli piacerebbe che non ci fossero più le differenze tra gay e etero.