Anna Oxa, bufera social tra ‘che*che isteriche’ e ‘Bibbiano’ ad opera della manager Milly Milano

Offese, minacce, deliri social. Milly Milano, manager di Anna Oxa, ha scatenato un putiferio tra i fan LGBT della cantante.

Per quale motivo l’artista Anna Oxa abbia affidato la comunicazione social ad un personaggio come Milly Milano, sua manager nonché rappresentante legale, non è a noi chiaro, ma certo è che la signora Milly Milano sta picconando la carriera di una cantante leggendaria, che tra gli anni 80′ e ’90 ha scritto indelebili pagine della musica italiana.

Nei giorni scorsi la signora Milano si è lasciata andare sulla pagina Facebook Anna Oxa – Oxarte ad un surreale attacco nei confronti di non si sa chi, di imprecisate ‘checche isteriche’,  utenze che a suo dire ‘adottano anche bambini’, magari proprio quello dati in ‘affido a Bibbiano’.

Premetto che essere omosessuali non vuol dire essere ‘checche isteriche. L’aggettivo non è riferito alla sensibilità della persona ma alla volgarità che potrebbe appartenere anche agli ETERI. Non fatevi raggirare da chi fomenta odio contro Oxarte. Quelle si che sono checche isteriche e traumatizzate. Questo post è sgrammaticato ogni riferimento è puramente casuale. Ripeto abbiamo tanti amici omosessuali e per noi non cambia nulla se la persona non è volgare.

Come detto, parole in libertà che hanno scatenato un vespaio social. In tanti hanno attribuito queste frasi ad Anna Oxa, se non fossero firmate in calce da codesta Milly Milano, oggi tornata all’attacco sempre su Facebook.

Per chi mi ha scritto che la pagherò cara… Eccomi! Sarebbe ora di finirla con le minacce, le diffamazioni, le protezioni, la corruzione… Da ora in poi tutto quello che farò è stato istigato da alcune procure, tutto quello che accadrà avrà a che fare con le procure di Milano, Trapani, Perugia, Palermo, Roma e CSM. Se non la finite con questa storia pubblicherò ogni documento che collega l’associazione di Milano, giudici di Milano, PM di Milano, Perugia ecc… Bisogna saper dire Basta… Non è una minaccia… Non uso i bambini come chi deve soddisfare le proprie necessità quando li adotta, dico che la corruzione in questo senso è come il sistema di Bibbiano… Non è omofobia bimbi di Gruber è una verità della violenza che tanto proteggete voi dei media, voi delle procure, voi avvocati, voi fondazioni, voi associazioni che non fate nulla se non raccogliere fondi… Siete voi la violenza. Gente che si permette di ogni su di noi da 5 anni… Vergognatevi tutti siete la miseria Umana, ripeto Miseria Umana ma dovreste conoscere l’umano per capire. Attribuite cose scritte e firmate da altre persone ad Anna Oxa per guadagnare sui vostri blog li non si è offesi se si divulga il post con la frase checche isteriche, li non c è omofobia. Siete essere inutili per la natura. Parlo a tutti a prescindere dalla propria sessualità e dall’uso che ognuno ne fa… Basta!
Querelatemi pure e mandatemi i vostri PM. I commissari stessi insieme ai giudici ecc saranno testimoni.

Da omosessuale nonché storico e sfegatato fan di Anna Oxa, per decenni tra le più potenti e ipnotiche voci al mondo, mi permetterei di dare un unico consiglio all’Artista. Senza voler entrare nel merito di certi improperi social, che abbandonano lo ‘sgrammaticato’ per intraprendere la strada dell’incomprensibile, cara Oxa, liberati di certi personaggi. Con educazione e rispetto per ciò che hai realizzato nel corso della tua vita professionale, affida la ‘tua’ comunicazione ad altri. Perché codesta signora, la signora Milly Milano, sta inopinatamente seppellendo decenni di carreira.