Bianca Atzei: “Io non sono raccomandata!”

Bianca Atzei parla del suo nuovo singolo, di Tale & Quale Show e delle sue posizioni sul mondo LGBTQI

Bianca Atzei, alla fine, ha un solo compito: far sognare la gente. E con la sua musica e la sua voce ci riesce benissimo. Eppure, nonostante diverse hit, un Sanremo, un disco che ha fatto il suo dovere e una serie di duetti con i più importanti artisti di sempre, c’è chi in mette in dubbio la sua posizione. Una volta non si perdonavano gli artisti usciti dai talent, ora, invece, non si perdonano più quelli che fanno il percorso al contrario. Ma come vive la cantante italiana dal sorriso più bello, quest’accanimento da parte di certi pseudo giornalisti? Quando la incontro siamo a Roma, all’Auditorium della Conciliazione, in occasione del concerto di Valerio Scanu. Bianca Atzei, dal vivo, è bella. Molto di più di come la ricordavo. Ha un vestito corto che mette in risalto il suo bel fisico, due tacchi altissimi e un trucco che timidamente si fa notare. Tra una domanda e l’altra ci si accorge di quanto Bianca Atzei sia umile, semplice e piena d’amore per la musica e non solo…

bianca_atzei_2016 (1)

E’ passato poco più di un anno dall’uscita del suo primo cd: Bianco e Nero. E ora?

(ride, ndr) E ora mi godo i frutti del grande lavoro che c’è stato dietro. A breve uscirà il mio nuovo singolo “La Strada per la felicità (Laura)” e continuerò a portare il mio live in giro per l’Italia. Da qui, fino ad Agosto, ho più di venti date e sono felicissima.

Qualcuna l’ha definita la nuova Mia Martini. Una grande responsabilità, non trova?

Ti suggeriamo anche  Egitto, due manifestanti LGBT liberi su cauzione

Accidenti, direi proprio di si. Quando qualcuno me lo ricorda, puntualmente mi vien da ridere, ma subito dopo mi viene un magone allo stomaco. L’immensa Mia è stata davvero un punto di riferimento nella mia carriera musicale. Le emozioni che mi ha dato lei, con la sua voce e le sue canzoni, pochi altri son riusciti a darmele. Mi sarebbe davvero piaciuto conoscerla.

bianca_atzei_2016 (4)

Ha duettato con molti uomini e con una sola donna. Con chi le piacerebbe duettare ancora?

In realtà ho duettato sia con Loredana Bertè, che con Anna Tatangelo. Se dovessi sceglierne una terza, amerei farlo con Patty Pravo. Che donna e che voce..

Sul web si parlava di una sua possibile partecipazione nel talent di Carlo Conti: Diri. E’ vero o sono le solite chiacchiere da bar?

Mi crede che non ne so nulla? Con Carlo ne ho parlato diverse volte, ma non c’è mai stato nulla di concreto. Quel che è certo è che io le imitazioni le so fare benissimo.

Nelle sue canzoni parla spesso d’amore. E’ davvero così romantica?

Purtroppo si. Anche molto malinconica, però.

I più esperti dicono che a parlar troppo di qualcosa, si rischia di far accadere l’esatto opposto.. Come va il suo rapporto di coppia?

Benissimo, grazie.

bianca_atzei_2016 (3)

Pensa che il gossip, nella sua carriera artistica, sia un valore aggiunto o un aggravante?

Ti suggeriamo anche  Torino, per il Consiglio d'Europa è la città italiana capofila dei diritti LGBT

In tutta sincerità, non m’interessa. Sono una ragazza semplice e molto discreta. Mi piace cantare, conoscere la gente, i loro percorsi e le loro emozioni. Qualcuno avrebbe sfruttato alla grande questa situazione, ma io non ci riesco. E’ più forte di me.

Dietro ad ogni personaggio ci sono sempre molte leggende. Lei ne conosce qualcuna sul suo conto?

No. Ogni tanto bisogna pur dire qualche bugia..

Quindi questa è una bugia?

Mmm, faccia lei.

Per una vita intera, hanno criticato i cantanti provenienti dai talent. Ora pare che la moda sia cambiata e lei, a quanto pare, ne sa qualcosa. Si è mai chiesta del perché di tutta questa maniacalità nei suoi confronti?

Non saprei. La felicità altrui reca da sempre tanta invidia. Io conosco il mio percorso, la fatica e l’impegno che ci ho messo per riuscire ad essere quella che sono. Ho imparato, negli anni, che le critiche ci saranno sempre e comunque. Poco importa se le cose realizzate sono state ben fatte, o meno. Lorenzo Suraci è il mio manager e io sono orgogliosa che una persona come lui, abbia riposto in me, tanta fiducia. Avrebbe potuto scegliere qualsiasi ragazzo uscito da un talent, così da garantirsi vendite e una certa visibilità, eppure crede in me ed io non posso che esserne felice.

Eppure, nonostante le critiche, è molto sostenuta dal mondo gay: si è mai chiesta come mai?

Ti suggeriamo anche  Indagine Amnesty: per l'86% degli italiani i gay devono avere pari diritti

Io ne sono felicissima, ma allo stesso tempo voglio dirle una cosa.

bianca_atzei_2016 (5)

Prego..

Io non ho mai distinto un etero da un gay. Non vorrei che la mia affermazione venisse percepita male. Nella mia natura esistono tutti, ma senza etichette. Ognuno con la sua sfumatura e non c’è niente di più bello che guardare il mondo senza pregiudizi.

Qual è la sua posizione sulle unioni civili?

Spero che la legge passi quanto prima e trovo assurdo che siamo ancora qui a parlarne. Ognuno deve essere libero d’amare chi meglio crede..

Sarebbe favorevole anche alle adozioni?

Si, assolutamente. Dove c’è amore, c’è famiglia e i bambini, alla fine, hanno bisogno solo di quello.

Storie

Cascina, il sindaco alla polizia: “Siete una massa di finocchi”

Dario Rollo, sindaco reggente di Cascina appoggiato della Lega, nella bufera per insulti omofobi alla polizia municipale.

di Federico Boni