Christina Aguilera premiata per il suo supporto alla comunità LGBT: “non sarei dove sono senza di voi”

L’Ally Equality Award 2019 è stato assegnato da Human Rights Campaign a Christina Aguilera.

Pochi giorni dopo il premio GLAAD dato a Beyoncé, un’altra popstar è stata celebrata per il proprio costante supporto alla comunità LGBT.

Christina Aguilera, omaggiata nel weekend con l’Ally Equality Award 2019, nel corso dell’evento benefico losangelino di Human Rights Campaign. Assente alla cerimonia per motivi personali, la popstar ha comunque voluto ringraziare tutti tramite social, con un lungo messaggio Instagram accompagnato da un video.

Sin dall’inizio della mia carriera mi sono appoggiata alla comunità LGBT+ per supporto, amicizia, gioia e accettazione. Ho trovato una forza inimmaginabile nei miei amici che si identificano come queer, e sono stata tirata fuori da alcuni dei miei momenti più bui grazie al piccolo gruppo di persone che mi circonda, ovvero compagni di ballo, artisti glam e creativi, che lottano per la libertà, l’uguaglianza, l’accettazione. Penso che la ragione per cui sono così profondamente connessa con questa comunità è il mio intenso amore per chiunque sia riconoscente di vivere il proprio vero sé. Vivo in compagnia di altri umani che sono orgogliosi della propria individualità, autenticità e creatività. Indossavo piercing quando la società mi chiedeva di essere acqua e sapone. Ho baciato altre donne quando i dirigenti mi dicevano che i fan mi avrebbero abbandonato. Ho prestato attenzione alle relazioni gay, ai disturbi alimentari e alle fobie quando erano per lo più tabù. Ciò che so è che non sarei dove sono oggi senza l’accettazione da parte di coloro che, come me, erano etichettati come “altro”. Essere riconosciuta da HRC Los Angeles, tra i leader che combattono per l’uguaglianza, è un onore che ho accettato con molta gratitudine. Purtroppo non ho potuto presentarmi di persona stasera, ma non vedo l’ora di continuare a sostenervi.

 

View this post on Instagram

Since the very beginning of my career I have leaned on the LGBTQ+ community for support, friendship, joy and acceptance. I have found the most solace and unimaginable strength in my friends who identify as queer, and I have crawled out of some of my darkest times thanks to the small group of people I surround myself with – fellow dancers, glam artists, and creatives who I realize are overcoming obstacles of their own – the fights for freedom, the struggles for equality, and prayers for acceptance. I think the reason why I connect so deeply with this community is my intense love for anyone who is grateful and passionate to be living as their true selves. I thrive in the company of other humans who are proud of individuality, authenticity and creativity. I wore piercings when society told me to be fresh faced. I kissed girls when executives told me fans would look away. I helped give attention to gay relationships and eating disorders and phobias when they were mostly taboo. What I realize is that I would not have had the power to be where I am today without the return acceptance from those who, like myself, were labeled as ‘other.’ ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ ⠀⠀⠀⠀ While these social relationships leave me satisfied and fulfilled, I can’t help but acknowledge the struggle to get where we are today. The activists on the front lines of change have created a world for my friends to also thrive. These forward steps would truly not be possible without the perseverance of the Human Rights Campaign. I recognize there are still so many hurdles ahead, but to realize how far we’ve come and that my voice and presence has made an impact thus far is more fulfilling than words can express. To be acknowledged by the @HRCLosAngeles – our leaders who fight for equality – is an honor I accepted with much gratitude. I am unfortunately unable to attend in person tonight, but I look forward to continuing my support of, for and with the HRC.

A post shared by Christina Aguilera (@xtina) on