Dolcenera: “Turbate la vostra pace e troverete la felicità!”

di

La cantante, ospite della LesWeek il 21 luglio, parla del nuovo album "Evoluzione della specie" e del successo del singolo "Il sole di domenica": "Un invito a non...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
3910 0

Ogni album un look diverso. Quanto conta un taglio di capelli o un vestito giusto nella carriera di un cantante oggi?E’ importante solo se  è importante la canzone che rappresenta. Ogni album un look diverso, anche perché ogni album è diverso, io sono diversa. Si cresce e si cambia: il look per un’artista femminile è anche un gioco, un raccontare le proprie sfumature di personalità. Per me rappresenta sempre la mia realtà, quello che sto vivendo in un determinato periodo della vita. Me ne frego dei giudizi e dei pregiudizi…  sono me stessa, con tutte le complicazioni del caso! E mi rendo conto, scrivendo le canzoni, che le emozioni che rappresento con la mia immagine sono le stesse che racconto nelle canzoni: c’è un’affinità naturale e spontanea, quindi non c’è da inventarsi un taglio di capelli o un make up diverso!

A quale specie fa riferimento il titolo del tuo nuovo album uscito il 17 maggio?Prima di tutto all’Evoluzione specie “Uomo” da titolo di una canzone contenuta nell’album: non della specie umana ma dell’uomo, del maschio. “La parola amore usata come il cortisone, l’uomo non funziona solo i cantanti innamorati”… e forse neanche loro ormai… una canzone in cui derido il modo di approcciarsi alle cose della vita da parte del maschio. Ma Evoluzione della specie è anche una speranza di cambiamento per una Italia ferma culturalmente e socialmente. E poi c’è dentro la mia evoluzione, la mia voglia di cambiare, la mia passione per cercare, scoprire e fare cose nuove con la musica, anche se dopo Mozart e Beatles tutto è stato già scritto!

Soddisfatta del successo de "Il sole di domenica"?“Il sole di domenica” è una bella sfida, e ogni sfida ha i suoi rischi: una canzone diversa, un modo di scrivere, arrangiare e produrre una canzone in modo diverso per il panorama italiano. Sono felice che questo messaggio sia arrivato e spero che il successo di questo brano sia di esempio per portare degli elementi di novità nel modo di concepire la musica italiana. La canzone stessa racconta della diversità come un valore: essere diversi, in un mondo noioso e sempre uguale, significa essere speciali. E’ un invito a non aver paura di essere se stessi, di uscire dalla finzione, di cambiare la propria vita, se tutto quello che ci circonda non rappresenta la nostra visione delle cose! Un invito a far “crollare il sole di domenica”, cioè turbare la propria piccola e tenue pace interiore per trovarne un’altra più profonda e più vicina alla felicità!

Hai successo anche in amore a quanto pare. 14 anni insieme al tuo compagno. Raccontaci il segreto per avere storie d’amore lunghe.Il fatto che una storia duri tanto non significhi che sia una storia di successo. E poi una storia di successo può essere anche di 5 minuti, e può avere tutta la poesia di questo mondo senza avere tutti i compromessi di una lunga storia di amore. Diciamo che, per carattere e segno zodiacale (Toro), sento il bisogno di certezze: nelle canzoni l’amore è raccontato come un complice per affrontare questa realtà così incerta, a parte il caso della canzone “Nel cuore e nella mente” che esprime invece il pudore di svelare la voglia di stare insieme ad un’altra persona. Comunque credo che gli elementi per durare sono complicità, sincerità, capacità di perdonare e di non prendersi mai troppo sul serio!

Cosa proporrai al pubblico della LesWeek al Mamamia?Intanto spero che ci siano tante persone: nel 2009 c’erano circa 6 mila persone e questa volta spero siano ancora di più. Ci sarà “Il sole di domenica”, “Il mio amore unico” e non potrà mancare “Siamo tutti là fuori”, una delle canzoni della comunità gay che proprio dalla sigla del Mamamia è partita per fare il giro delle altre comunità gay dell’Europa. Poi ci sarà un momento più intimo, piano e voce, di “Com’è straordinaria la vita, “Mai più noi due” e altre sorprese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...