Elton John, Legione d’onore per la sua lotta contro Aids e omofobia

Il Presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron ha celebrato Elton John con la massima onorificenza di Francia.

Gli mancava forse solo questo riconoscimento, dopo quasi 50 anni di trionfi e riconoscimenti. Elton John è stato infatti premiato con l’ambitissima Legione d’Onore, massima onorificenza dello Stato francese. Ad appuntargliela al petto Emmanuel Macron, presidente della Repubblica francese, nel corso di una fotografatissima cerimonia all’Eliseo. Una Legione assegnata ad Elton John per le sue costanti e decennali battaglie contro l’Aids e l’omofobia. Alla cerimonia, ovviamente, hanno presenziato anche David Furnish, marito del cantante, i loro due figli.

“Grazie signor Presidente, è davvero un onore per me, vi sono grato. Amo la cultura francese, lo stile di vita e il popolo francese. Come è sempre stato per la musica, la mia lotta contro l’AIDS è stata la mia passione per tantissimi anni. Come la musica, inoltre, questa lotta mi ricorda ogni giorno quanto sia straordinario il potere dello spirito umano. Le cose che ci legano sono ben più forti di quelle che ci dividono. Con questo spirito magico, quindi, mi faccio carico dell’onore di diventare un membro della Legion D’Honneur”, ha commentato la popstar, la cui vita è appena diventata biopic cinematografico in Rocketman.

Vinti un Oscar, un Golden Globe, un Tony e 5 Grammy Award, Elton è stato inserito nel 1994 nella Rock and Roll Hall of Fame, mentre nel 1998 è stato fatto Cavaliere dalla Regina Elisabetta II per i servigi resi alla musica, alla cultura inglese e alla beneficenza. Due anni prima, nel 1996, era stato insignito del titolo di Commendatore dell’Eccellentissimo Ordine dell’Impero Britannico. Nel 2004, infine, ha fatto suo il Kennedy Center Honor, premi annuali statunitensi conferiti a coloro che si sono distinti per il loro contributo all’arte e alla cultura.

Storie

16enne gay si suicida, vittima di bullismo omofobico

Un incessante bullismo, che alla fine lo ha portato al suicidio.

di Alessandro Bovo