EMINEM "TU, FOTTUTO FROCIO"

La verità su quello che cantato a Sanremo: ecco i testi. Il rapper ha preso in giro tutti, e si conferma quel che è: violento e omofobo.

Il video in versione Hi-Res (2,5 Mb)

Il video in versione Low-Res (1 Mb)

(Per visualizzare i video è necessario aver installato sul proprio computer MS Media Player)

Eminem è arrivato, si è esibito sul palco dell’Ariston e non ha esitato a vomitare tutto il suo odio contro i gay in mondovisione. Il rapper ha rovinato la festa a quella fetta dell’italico bel paese che conosce l’inglese e che ha avuto la disavventura di ascoltare i testi delle sue canzoni. Ma per la TV nazionale è tutto OK: una fonte ANSA ha dichiarato che "Eminem ha rispettato i patti, cantando solo quello che era stato concordato con i vertici RAI." .

Infatti il direttore di Raiuno, Maurizio Beretta, aveva affermato: "Qualsiasi testo dovra’ esserci consegnato prima dell’esibizione e sara’ comunque esaminato da noi e, in caso di qualsiasi dubbio, inviato al procuratore di Sanremo. La solerzia e la collaborazione dimostrata ieri dalla procura ci permettera’ eventualmente di verificare in tempi rapidi, prima della messa in onda, l’idoneita’ del brano. Il rapper si dovra’ attenere al teso consegnatoci". Allora, delle due, l’una: o i responsabili di Viale Mazzini non hanno trovato nemmeno un traduttore disponibile, scegliendo le canzoni a caso, o per loro è normale paragonare i gay ai necrofili. Di questo infatti parla la terza canzone interpretata da Marshall Mathers (vero nome di Eminem) con i D-12. Una rapida occhiata al testo ce lo conferma:

my bum is on your lips

my bum is on your lips

and if I’m lucky you might just give it a little kiss

and that’s the message we deliver to little kids

and expect them not to know what a woman’s clitoris is

of course they’re gonna know what intercourse is

by the time they hit fourth grade they got the discovery channel don’t they

we ain’t nothin but mammals

well, some of us cannibals

who cut other people open like cantaloupes

but if we can hump dead animals and antelopes

then there is no reason that a man and another man can’t elope

(Traduzione: Il mio culo è sulle tue labbra

Il mio culo è sulle tue labbra

E se sono fortunato potresti anche baciarlo

E questo è il messaggio che diamo ai bambini

E ci aspettiamo che non sappiano cos’è la clitoride di una donna

Certo che sanno cos’è un rapporto sessuale

Hanno discovery channel già dalla quarta elementare

Siamo solo mammiferi

Bah, alcuni di noi sono cannibali

Sventriamo le persone come animali

Ma se possiamo scopare animali morti e antilopi

Allora non c’è ragione per cui due uomini non possano stare insieme)

Ci si domanda, visto quanto sopra, perché abbiano impedito ai Sottotono di pronunciare la frase "figli di puttana" presente nel testo della loro canzone. Alla RAI la ritenevano troppo forte? E che dire allora della prima canzone "I’m back" in cui Eminem descrive addirittura pesantissime atrocità contro gli animali, violenza insensata contro esseri innocenti? Era triste vedere la conduttrice sorridente e il pubblico battere le mani a tempo delle sue oscene parole di odio, totalmente ignari del significato dei testi.

Cosa sarebbe successo se, come abitudine del programma del meticoloso Limiti, fossero passate in sovrimpressione le traduzioni? È solo di qualche giorno fa la polemica sorta a proposito di un gioco di parole degli Articolo 31 sulla legalizzazione della "Maria" che ha portato addirittura a interrogazioni parlamentari e alle scuse formali dei presentatori. Certe frasi saranno sfuggite agli spettatori italiani, ma non certo a quelli di lingua inglese, dato che il collegamento era in mondovisione. Durante le esibizioni di Eminem nel resto del mondo infatti, le parole di questa canzone vengono sempre censurate, ma non qui in Italia, dove nessuno parla una parola di inglese e non si preoccupa di domandare agli esperti, lasciando che Eminem canti tutto quello che vuole.

Da tempo si parla in Italia della omofobia del rapper bianco come una cosa assodata ma vaga, facendo un rimando frequente solo a una o due frasi estratte dalle sue canzoni. Ad un ascoltatore disattento potrebbe sembrare un incidente di percorso, un accenno casuale ad una sua lieve idiosincrasia. Non è così. L’avversione di Eminem per l’omosessualità è invece qualcosa di radicato e violento, a livelli tali da poter essere tranquillamente considerata una patologia. Difatti, benchè nelle canzoni rap gli atteggiamenti violenti e il gergo volgare siano la regola, gli incitamenti di Eminem alle rappresaglie – di qualsivoglia tipo – contro la comunità GLBT sono una costante dei suoi testi.

Qualche anno fa, i Public Enemy hanno avuto gravi problemi perché inneggiavano alla violenza contro i poliziotti. In quel caso, ovviamente, nessuno si è schierato in loro difesa, adducendo motivazioni riguardanti la loro povera infanzia nei ghetti. Eminem si presenta con la sua faccia da bravo ragazzo, amico dei neri, ma le sue canzoni pullulano di livore: circa nel 70% delle sue canzoni inneggia all’odio verso i gay, istigando alla risoluzione drastica del ‘problema’. Uccidi, sfregia, violenta, accoltella sono le parole di solito associate al concetto di omosessualità, insieme a frocio, finocchio, lesbica, transessuale. Non puoi gridare al fuoco in un luogo affollato, come non puoi dire che è bello uccidere la tua ragazza e gettarla nel portabagagli come nella canzone "Kim", dove Eminem racconta di uccidere sua moglie davanti alla loro bambina di due anni, e di buttare il suo cadavere nel baule della macchina. Idea terrificante, ma non peggiore di altre, come violentare una lesbica, sparare ad un cane perché abbaia troppo o, perché no, giocherellare con le gambe del noto attore Christopher Reeves, notoriamente tetraplegico.

Ma esiste una cosa più preoccupante persino dei deliri di Eminem: il silenzio-assenso concordatogli qui come oltreoceano dai media e dai politici. Va bene istigare alle crociate contro i videogames o i film d’azione quando sono troppo violenti, ma se la stessa violenza – benchè verbale – ha come bersaglio una classe "politically uncorrect" come la comunità GLBT allora, in fondo, a parte gli interessati, nessuno protesta.

Parla bene la Carrà degli abusi e delle violenze subiti da Eminem in tenera età per giustificarlo, ma se a gonfiarlo di botte fossero stati dei neri è improbabile che gli avrebbero permesso di incidere canzoni in cui si istigava l’odio razziale. È un po’ come quando ai cacciatori si consente di sparare ai tordi ma non ai gabbiani, esistono le razze protette e quelle non protette anche tra gli umani. Che dire della patetica difesa ad oltranza della Carrà? Secondo lei la triste infanzia di Eminem giustifica il suo comportamento. "Una terapia", dice Raffaella. Come a dire che se subisci violenza da piccolo è normale che la perpetri su altri bambini. Sempre meno costoso delle sedute dallo psicologo…

Perle di saggezza di un rapper omofobo:

There is no way I can be the gay rapper

Why not? I only fuck animals

Non posso proprio essere il rapper gay

Perché no? Io scopo solo animali

I was put here to put fear in faggots

Sono stato mandato qui a terrorizzare i froci

You faggots keep egging me on

‘till I have you at knife point then you beg me to stop?

Voi finocchi continuate ad aizzarmi

E quando sto per accoltellarvi mi supplicate di fermarmi?

Fuck my cousin in his asshole, slit my mother’s throat, he he, guess who Slim Shady just signed to interscope. My little’s sister b/day, she’ll remember me for a gift I had: ten of my boys take her virginity"

Fottere mio cugino nel culo, sgozzare mia madre, he he, indovina a chi ho prenotato una transrettale? La mia sorellina si ricorderà il suo compleanno per il regalo che le ho fatto: dieci amici miei che prendevano la sua verginità.

Pissy drunk throwing up in un urinal (YOU FUCKING HOMO!) that’s what I said up at my dad’s funeral

Ubriaco fradicio vomitando in un orinatoio (FROCIO FOTTUTO!) ecco cosa ho detto a mio padre al il suo funerale

Suck my fucking dick you faggots, ya happy now?

Ciucciatemi il cazzo froci, contenti adesso?

You want me to fix up lyrics while the president gets his dick sucked? Fuck that! Take drugs, rape sluts, make fun of gay clubs. Men who wear make-up.

Volete che sistemi le parole delle mie canzoni mentre il presidente si fa ciucciare il cazzo? ‘Fanculo! Drogatevi, stuprate troie e prendete per il culo i club gay. Uomini che si truccano.

Il video in versione Hi-Res (2,5 Mb)

Il video in versione Low-Res (1 Mb)

(Per visualizzare i video è necessario aver installato sul proprio computer MS Media Player)

di Pablo & Lily Ayo