Kylie Minogue: “Non mi sposo finché in Australia non ci sarà matrimonio egualitario”

“Non riesco a capire perché io ho il diritto di sposare la persona che amo e un altro non può solo per il suo orientamento sessuale”, chiosa il suo bel compagno.

Kylie Minogue ancora una volta si espone in prima linea per i diritti civili della comunità LGBT.

La cantante si è fidanzata ufficialmente Joshua Sasse a febbraio e lo sposerà, ma non prima che in Australia sia passata la legge sul matrimonio egualitario.

Stiamo pensando ad un matrimonio a Melbourne, ma io e Kylie ci abbiamo pensato e non ci sposeremo fino a che la legge sul matrimonio egualitario non verrà approvata“, ha affermato Sasse, che ha anche lanciato una campagna, “Say I Do Live Down Under”, che con la vendita di alcune t-shirt vuole sensibilizzare al tema: anche Dolly Parton e Sia vi hanno aderito.

Una foto pubblicata da Kylie Minogue (@kylieminogue) in data:

Non riesco a capire se è una questione religiosa, morale o altro, il fatto che io ho il diritto di sposare la persona che amo e un altro non può solo per il suo orientamento sessuale“, chiosa il bel Sasse. Anche Kylie sta diffondendo la parola indossando la maglia creata dal suo compagno e pubblicando le foto sui social.

Una foto pubblicata da Kylie Minogue (@kylieminogue) in data:

Il cammino è ancora lungo: alcuni giorni fa il partito di opposizione ha annunciato di voler boicottare il referendum auspicato dal Primo Ministro Malcolm Turnbull sulla questione.

Ti suggeriamo anche  I cinque videoclip musicali manifesto del NO all’omofobia