L’energia travolgente di Posi Argento, la dj tutta italiana

di

Nata dall'hip hop, passata dal rap e ora approdata all'house, la bionda lombarda colleziona un successo dietro l'altro. E se ve la siete persa finora, non mancate all'Hub...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
7997 0

In molti la conoscono già, perchè nonostante sia giovanissima, 27 anni, il suo talento l’ha fatta conoscere già in tutta Italia e non solo. In continuo tour per il Paese come dj (la prossima data la vedrà all’Hub di Lucca il 12 gennaio), stiamo parlando di Posi Argento rapper di casa nostra, rara figura femminile in questo ambiente, che pubblicò il suo primo LP solista nel 1998, ‘Così fan poche, e che adesso ha scelto la strada dell’house e dell’electro music. Irriverente e scandalosa, Posi, al secolo Chiara Luzzana, vanta collaborazioni con gli Articolo 31 già nel 2000, quando la band allora all’apice del successo la scelgono per duettare con J Ax in ‘Luna Park Mentale’ facendola conoscere al grande pubblico. 

Da allora Posi non s’è più fermata, sfornando un successo dopo l’altro ed entra nella scuderia dell’etichetta ‘Spaghetti Funk’che già produceva, oltre agli Articolo 31, i Gemelli DiVersi e Space One.

La formazione di Posi è variegata. Nasce come writer, disciplina che la attira così tanto da portarla anche a realizzare una fanzine sul writing milanese. Ma l’interesse per la musica la spinge presto a dedicarvisi anima e corpo dando sfogo al suo multiforme

eclettismo. Il primo amore è l’hip hop, nel 1992, che la porterà presto ad accostarsi al rap. Edè come dj rap che l’Italia dei locali la conoscerà rapidamente.

Nel 2004 esce il suo album autoprodotto ‘Borderline’con featuring che appartengono all’elite dell’hip hop italiano (Cor Veleno, Club Dogo, Bassi Maestro, Rido MC). 

Ma è l’anno che è appena terminato che segna il ritorno di Posi, che comunque non abbandona la sua attività di dj, sulla scena musicale. A giugno 2007, infatti, esce il chiacchieratissimo singolo “I like Paris” che ironizza sulla ricca e irrequieta ereditiera statunitense.

E per iniziare il 2008 in bellezza, Posi lancia, in uscita a brevissimo, il secondo singolo dal titlo quanto meno provocatorio ‘Voglio farmi la

dj". Le note elettroniche del brano, le rime dirompenti  e ammiccanti, i riferimenti maliziosi e quasi blasfemi, sussurrati dalla suadente voce dell’amazzone bionda, sono tutti strumenti per tracciare un quadro canzonatorio ma preciso degli stereotipi più diffusi: donne oggetto, inseguimento del successo con ogni mezzo, finto bigottismo italiano, manie di protagonismo. 

Musica, irruenza e provocazione, dunque, ma anche testi pensati e ragionati che non possono che indurre riflessioni in chi li ascolta: anche l’immagine di ‘Sua Eminenza’  viene coinvolta nel gioco di seduzione della mantide dalla cresta scolpita, Posi, a legittimare la sacralità e la necessità delle pulsioni più ancestrali e insopprimibili e a sottolineare le lacune di una società tutt’altro che puritana.

Al brano è abbinato un ipnotico e travolgente video ‘optical’, con il cammeo di Obi Baby, il re delle serate trasgressive milanesi e ideatore della one night Pervert, che anticipa l’uscita dell’album “"IlikePosi!" prevista per febbraio.

"La lunga attesa sarà abbondantemente ripagata – dice Posi – e non lascerà alcun retrogusto amaro in bocca. E’ una promessa!"

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...