Le "stanze" di Giuni

Giuni Russo in concerto a Milano il 4 aprile.

"Le stanze della Musica", così Giuni Russo ha voluto chiamare il concerto che la vede protagonista all’Auditorium di Milano mercoledì 4 aprile.

Un’estate al mare, tappa di una carriera mai rinnegata è ormai alle spalle dell’artista siciliana. Nata a Palermo da una famiglia dove regnava la musica, Giuni Russo ha iniziato giovanissima a studiare canto e composizione. Il talento naturale per la musica è racchiuso nella superba vocalità che le ha permesso scelte radicalmente diverse. La sua voce – e l’abilità nell’usarla e amministrarla dal vivo – le ha consentito di approfondire e prediligere esperienze ed interessi per musiche di confine, a contatto con autori classici o religiosi, legati tra loro dall’elemento della spiritualità, come Teresa d’Avila e Giovanni Della Croce.

Con più di dieci album in repertorio, Giuni Russo ha sviluppato quella che è ormai una vocazione, a complemento di un percorso interiore che l’ha vista allontanarsi definitivamente dall’ambiente della musica leggera, per avvicinarsio anche ad altre "stanze della Musica": stanze sia in senso poetico – di "canzoni" richiamandosi al termine rinascimentale – ma anche luogo delle delizie vocali e della bellezza, stanze diverse ma contigue e comunicanti nella vita artistica della cantante siciliana.

Una proposta nuova, lasciati da tempo alle spalle gli anni del pop facile e di sicuro successo, per presentare alcune arie da camera tardo romantiche e per esprimere, con la vocalità straordinaria che la contraddistingue, le musiche del mondo.

Ti suggeriamo anche  Il mondo dionisiaco di Filippo de Pisis

In bilico tra le certezze stanche ma sicure del passato e una forte spinta ad aderire ad una ricerca musicale fortemente sentita come moderna ed esaltante, Giuni Russo mostra al pubblico due facce contrapposte ed ugualmente sincere: quella colta ed estraniata e l’altra, popolare ed ironica.

Per muoversi a proprio agio tra melò e riflessioni, tra abbandono e intelligenza del cuore.

Auditorium di Milano – Mercoledì 4 aprile 2001 ore 21.00

LE STANZE DELLA MUSICA Con GIUNI RUSSO, Stefano Medioli (pianoforte e programmazione computer), Corrado Medioli (fisarmonica e tastiera), Marco Remondini (violoncello e sax soprano).

PROGRAMMA: Malinconia, Ninfa Gentile (V. Bellini); Le Crepuscule; La Zingara; Me voglio fa na casa (G. Donizetti); Oceano d’amore (Poesia Sufi); Fogh in Nakhal (Canzone popolare irachena); Vieni (Quartina del mistico persiano Jalal al Dyn Rumi); Sakura (Canzone popolare giapponese); Canto di Pechino (Libera interpretazione); La Sposa (G. Russo); Nada te turbe; Muero porque non muero (S. Teresa d’Avila); La sua figura (G. Russo)

Biglietti: Posto unico, £ 40.000; Ridotto £ 30.000; Studenti £ 15.000. Per informazioni: 02/83389201.2.3