Marco Carta sospende il concerto. Folla: “Buffone!”

Marco Carta costretto a sospendere il concerto dopo sole 3 canzoni per problemi di sicurezza. La folla inferocita gli urla “buffone”. L’evento si era già trasferito da un’altra sede in fretta e furia

Doveva essere un evento memorabile, e sicuramente lo sarà. Non per la voce di Marco Carta, ma per la gestione pessima del suo concerto. Dopo aver cantanto solo tre canzoni, infatti, il vincitore di Sanremo ha dovuto interrompere la sua esibizione all’Atlantico, ex Palacisalfa, costretto dai Vigili Del Fuoco ad una evacuazione per problemi di sicurezza. Troppo piccolo il palazzetto, troppa la folla accorsa per il cantante.

Non è stato semplice far digerire la misura intrapresa alle 5000 persone, tutte munite di regolare biglietto, che erano accorse a sentire la giovane promessa di Amici. Anche perché le stesse 5000 persone erano già state fatte spostare dal vicino Palalottomatica per il motivo opposto: troppo grande la location, troppe poche le persone.

Di fronte a questa disorganizzazione, è normale che il pubblico si sia messo ad urlare contro il cantante e il suo staff. Dalla platea sono partiti cori di disapprovazione con tanto di "Buffone" e "Buffoni". Ma almeno i buffoni facevano ridere, una volta. Dopo la vinceda delle foto scomparse da Gay.tv adesso la debacle. Alla corte di Marco Carta, da un po’ non si ride più.

Ti suggeriamo anche  Eurovision 2018, Israele punta al trionfo LGBT con Toy di Netta