MI ISPIRO ALLA VITA

di

Da giovane promessa di Sanremo a protagonista di Music Farm. Laura Bono si appresta a conquistare il mondo con la sua voce. Il segreto? Ispirarsi alla vita. Un...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
3817 0

Hai esportato il tuo successo in paesi insoliti per dei cantanti italiani: Svezia, Finlandia. Il Presidente finlandese Tarja Halonen, è una tua grande fan. Addirittura a Novembre scorso sei stata l’ospite a sorpresa della finale del Grande Fratello Suomi! Come nasce questo rapporto con i freddi paesi nordici?

E’ stata una sorpresa anche per me. Tutto e’ partito con la EMI Finlandia che, innamoratasi del progetto, lo ha proposto nella sua terra subito dopo la mia uscita al Festival di Sanremo riscuotendo un interesse sempre piu’ forte da parte dei finnici. Poi a ruota e’ arrivata la Svezia.

Attualmente sei impegnata nella conquista dei mercati spagnolo e latino-americano con la tua grinta ed energia. A quando la pubblicazione dell’album in Spagna, Messico, Brasile, Argentina e Stati Uniti Latini? Altre uscite sono previste in versione italiana in Germania, Svezia e Belgio. Ti appresti a conquistare il mondo?

L’album in versione italiana e’ appena uscito sul mercato belga e tedesco, ora speriamo che fili liscio!!! Mentre quello in versione meta’ spagnolo e meta’ in italiano destinato ai paesi calienti e’ gia’ pronto. La sua uscita e’ prevista per settembre… non vedo l’ora!

Nel 2005 vinci nella categoria giovani di Sanremo. Come ti ha cambiato quell’esperienza? E cosa ti ha lasciato?

Sanremo e’ stato il mio trampolino di lancio, non posso che essergli grata. Ho un ricordo molto confuso dei giorni del Festival… lì è tutto frenetico e le emozioni sono talmente alle stelle che alla fine diventa tutto un casino! Lo sogni da una vita, lo rincorri, lo brami e quando ci sei tutto finisce in un lampo… ma la cosa bella è che il tempo a un certo punto si è fermato, e si è fermato nel momento giusto: io sul palco, Mario alla direzione d’orchestra, la platea, l’orchestra e la mia canzone che parte.

Sei stata supporter dei concerti di Vasco Rossi. Un gran privilegio direi.

Esperienza che insegna tanto! A parte la cosa super dell’aprire i concerti di uno degli artisti che più ami c’è tutto il resto che ti segna. Il mettersi davanti a un pubblico che non è il tuo con la paura quindi di non essere accettata… puoi in un attimo diventare un ottimo bersaglio su quel palco davanti a un bagno di folla… qualche bottiglia l’ho schivata però! Ma vai avanti, perchè un mio amico mi diceva sempre “Se hai paura…stai a casa”, e io di paura ne avevo tanta ma a casa non ci volevo andare. E canti, e ti lasci andare… e ti accorgi che molte persone si lasciano andare con te… e godi!

Dopo due singoli (“io non credo nei miracoli” e “Tutto ha una spiegazione”) esci con l’album “Laura Bono”. Il singolo “Tutto ha una spiegazione” che ne anticipa l’uscita è un brano molto accattivante, più rock rispetto a quello presentato a Sanremo, così come tutte le canzoni contenute nell’album. La musica melodica non ti rappresentava abbastanza?

Non la vedo proprio così… la melodia fa parte del mio DNA. “Non credo nei miracoli” è uno tra i brani dell’album più soft come arrangiamento, ha quindi un vestito più morbido rispetto a “Tutto ha una spiegazione” ma trovo anche quest’ultima melodica nonostante sia musicalmente più “ringhiosa”.

Hai cantato uno dei brani dei titoli di coda dell’atteso film della Walt Disney Bambi2. Accostare la tua immagine al tenero animaletto Disnyano è una scelta che va contro la tua indole di rokkettara, o no?

Sarebbe stato contro la mia indole di persona in quanto Laura non farlo. Sono stata felice e lusingata

Continua in seconda pagina^d

Hai cantato uno dei brani dei titoli di coda dell’atteso film della Walt Disney Bambi2. Accostare la tua immagine al tenero animaletto Disnyano è una scelta che va contro la tua indole di rokkettara, o no?

Sarebbe stato contro la mia indole di persona in quanto Laura non farlo. Sono stata felice e lusingata quando ho ricevuto questa proposta e mi sono emozionata tanto nel registrare quella canzone. Nella mia testa in quel momento c’erano tanti bambini che mi stavano ascoltando… sono stata bambina anch’io, anzi, lo sono ancora.

Nella farm hai battuto prima Leda Battisti e Silvia Mezzanotte poi Simone Patrizi, conquistando una meritatissima finale. Una finale strana. Strana perchè per guadagnarti la finalissima, hai dovuto sfidare Pago, l’artista col quale senza ombra di dubbio ha legato di più durante questa esperienza. Come hai vissuto quella sfida?

Ne ho parlato molto con Pago prima del momento fatidico e ci siamo resi conto che entrambi non l’avremmo vissuta affatto come una sfida…ma come una festa! Chiaro che poi quando sei lì sul palco ce la metti tutta ma… non lo so… è difficile da spiegare a parole cavolo!

Sembrava che tutti nella farm ci provassero con te e Simona Ventura ha provato a tutti i costi ad affibbiarti un fidanzato. Pago nello specifico. Chiariscici le idee ti prego.

Simona ha visto del tenero da subito, probabilmente gia’ dai giorni prima di entrare nella farm durante il ritiro e le prove e quindi ha spinto subito in una direzione che non era pero’ quella che avevano considerato i due interessati, cioè io e Pago. Tra noi c’è stata subito intesa ma un rapporto non deve chiamarsi per forza amore per essere forte e bello.

Durante la tua permanenza nella farm abbiamo assitito alle polemiche sui voti del pubblico, determinanti secondo alcuni ad eliminare alcuni e lasciare altri. Hai una community online molto affollata. Hai intorno a te blog, siti dedicati, fanclubs in tutta italia. Sicuramente sono stati determinanti per il televoto delle varie puntate di Music Farm. Non credi di essere stata avvantaggiata dai fans?

Sono sul mercato discografico da poco più di un anno ed effettivamente non mi sarei mai aspettata un cosi’ forte riscontro di fans. Loro mi hanno sostenuta e mi hanno portata alla puntata finale. Devo molto a loro. Io piu’ che avvantaggiata mi sento che non sono da sola.

Parliamo del tuo look: aggressivo, come la tua voce, in senso buono ovviamente. Una volta ci si vestiva così per andare contro qualcosa. Oggi forse è solo una questione di moda. Qual’e’ la tua scelta?

Io non mi sento di andare contro nessuno. Nel mio abito devo stare bene, nei miei capelli devo sentirmi a mio agio e mi ci sento.

Il 20 maggio sarai ospite della discoteca gay “Dolce Vita” di Brescia. Cosa hai preparato per i tuoi fans?

Semplicemente me stessa in un concerto live con la mia band, i miei ragazzacci. Non ci saranno effetti speciali nè colpi di scena, ci saremo noi, dove noi sta per chiunque metterà piede nel locale, e la musica.

Domanda schietta ad una persona schietta. Silvia Mezzanotte nella farm ti ha detto che le dai l’idea di piacere molto alle donne omosessuali. Poteva essere un momento per farle aprire gli occhi sul mondo GLBT facendo coming out. Invece è stata un ennesima occasione persa. Come mia voi artisti siete così restii ad uscire allo scoperto?

Ci sono artisti che magari tengono molto alla propria vita privata o che semplicemente ritengono inappropriato il luogo o il momento in cui decidere di renderla meno privata…questo potrebbe essere uno dei motivi…

Progetti futuri?

Voglio solo concentrarmi sul tour ora ma non ti nascondo che sono già con la testa sulle canzoni del prossimo album…

Con chi ti piacerebbe duettare?

Vado giù sul pesante…sognare è lecito…Gianna Nannini e Vasco Rossi!!!!

A chi ti ispiri con la tua musica?

Mi ispiro a me…alle mie esperienze o all’esperienze che avrei voluto avere…a come mi sento o a come vorrei sentirmi. Spesso mi coinvolgono anche le esperienze delle persone che amo o che incontro…le faccio miei e parte un film. Mi ispiro alla vita.

Qual’è la canzone che hai prodotto che più ti rappresenta?

In questo momento sento molto forte la canzone “Che bel vivere”…l’ho scritta questa estate davanti al mare di un paradiso chiamato Sicilia.

Hai vinto sanremo giovani, stai sbarcando con la tua musica in mezzo mondo, i locali ti richiedono come ospite. Ancora non credi nei miracoli?

Alla fine della canzone dico: “Io non credo nei miracoli…se potessi tu sorprendermi”… E devo dire che sono rimasta indubbiamente molto sorpresa!!!

Grazie Laura e in bocca al lupo per tutto.

Grazie a te e…ci vediamo on the road!!!

Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Musica.

di Daniele Nardini

Guarda una storia
d'amore Viennese.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...