Muore Amy Winehouse. Cocktail di farmaci e alcol

di

Avrebbe dovuto esibirsi a Lucca ma la sua ultima apparizione pubblica faceva presagire la tragedia accaduta oggi. Come altri idoli maledetti, l'alcol e i farmaci sono stati la...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
8064 0

Amy Winehouse conclude la sua parabola umana e artistica come tanti altri idoli ‘maledetti’ che l’hanno preceduta, a causa di un cocktail di farmaci e alcol. Il corpo della cantante 27enne è stato trovato verso le 4 di pomeriggio nell’appartamento londinese di Camden Square.I conoscenti e gli amici, in fondo se lo aspettavano. L’ultima sua apparizione pubblica, a Belgrado è stata un disastro: ubriaca e strafatta e’ salita sul palco barcollante e farfugliante, senza riuscire a cantare neanche una nota in modo decente. Fischiata, umiliata nel mondo attraverso gli impietosi filmati di Internet. L’inevitabile annullamento della tournee europea, era attesa anche a Lucca, si è rivelato, purtroppo, il tragico prologo a una fine annunciata.

La carriera di Amy e’ durata pochi anni: due album, ‘Frank’, del 2003, promettentissimo esordio, e ‘Back to Black’ del 2006, il disco dell’esplosione, lo squillante annuncio di una predestinata. Certo a pensare ora che il suo grande hit sia stato ‘Rehab’, dove lei risponde ”no, no, no …” ai genitori che la vorrebbero far disintossicare fa venire i brividi. Fino a che e’ stata in grado, Amy Winheouse era un’interprete strepitosa anche dal vivo: non aveva una grande estensione e non indulgeva nelle acrobazie un po’ gratuite delle sue colleghe piu’ celebri. Ma andava all’essenza delle emozioni, come le grandi della musica black, conosceva bene i segreti della melodia, dei sottintesi, cantava benissimo le ballad, vedi ‘Love is a Loosing Game’, aveva un suo stile, anche se figlio diretto di una tradizione. E ‘Back to Back’ e’ un disco con arrangiamenti e suoni perfetti.

Non a caso la Winehouse ha creato qualcosa piu’ di un trend, ha favorito la rinascita di una sorta di nuova versione della Cool Generation inglese dei tardi anni ’80, quella degli Style Council, Working Week, i primi Everything but the Girl. Molto presto pero’ Amy e’ diventata la protagonista assoluto del gossip tossico, come se volesse trasferire nel mondo del pop gli incubi chimici di ‘Trainspotting’: il suo disastroso matrimonio con Blake Fielder-Civil, fatto di botte, overdose, ricoveri, persino la galera per lui, il divorzio e, in ultimo, la denuncia per stalking nei confronti dell’ex marito da parte della sua nuova compagna, e’ un po’ l’emblema di una deriva autodistruttiva che le ha distrutto la vita.

Era un obiettivo privilegiato di paparazzi e specialisti del gossip, il suo lento suicidio e’ avvenuto in pubblico, sotto gli occhi del mondo. Niente e nessuno e’ riuscito a fermare questo disastro: resta solo una pieta’ profonda nel dover raccontare che un talento cosi’ speciale se ne sia andato in un modo cosi’ triste.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...