SIAMO SERI, E LEGGERI

di

"Easy Paris", arriva da Parigi la musica leggerissima. Un disco formidabile, tutto electropop, proposto non da un dj, ma da una giornalista scrittrice come Elisabeth Butterfly.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
941 0

Easy listening ed elettronica sperimentale dalla Parigi anni ’60/’70 con quella classe tutta francese e fuori del tempo… accostati allo stesso genere rivisto, reinterpretato e risuonato oggi. Voilà, "Easy Paris".

Heritage and vintage, recupero di una tradizione che è riuscita a non invecchiare e ritorna a noi come un messaggio nella bottiglia, come una carezza che supera la prova del vento.

E’ un disco veramente unico, per gusto e sensibilità… proposto infatti non da un DJ ma da una scrittrice e giornalista, Elisabeth Butterfly.

L’esatto contrario delle compilation messe insieme per fare bumba bumba o per pubblicizzare qualche negozio, è una vera o propria opera personale.

"Easy Paris" è un invito alla libertà, con la leggerezza e l’intelligenza di un film di Peter Sellers. Un segno indelebile su quanto la Francia abbia da dire oggi sulla scena musicale internazionale.

Ed è sorprendente come François de Roubaix o Michel Legrand,autori sconosciuti ai più giovani, si alternino e ritrovino forza a fianco di campioni del super-trendy attuale come Bertrand Burgalat,fondatore dell’etichetta Tricatel, i Mellow, gli Stereo Action Unlimited o gli Air.

L’autrice, Elisabeth Butterfly, è nata e cresciuta a Parigi in un ambiente attento alla musica. Ha studiato Conservatorio, si è appassionata al jazz e all’elettronica. E’ un’animatrice della scena culturale parigina, nel mondo dell’arte contemporanea e collabora con il Ministero della Cultura francese.

Si occupa di musica per Canal Web e ha pubblicato un romanzo Lolita, go home! Il titolo, che riprende stile e contenuti di Nabokov cita Serge Gainsbourg ha attirato l’interesse di critica e pubblico. E’ descritto dall’autrice come uno sguardo su pregiudizi, stereotipi sociali, tic nazionali e barriere culturali ,come si trasformino per resistere nel tempo.

Come la leggerezza che siamo costretti ad avere noi per andare avanti e fregarcene favolosamente.

EASY PARIS
24 canzoni, etichetta Wagram.

di Paolo Rumi

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...