SPECIALE: CONFESSIONS TOUR

Cinque anni dopo il concerto milanese e sedici anni dopo l’ultimo concerto romano, Madonna torna nella capitale con il suo Confession Tour. Tutto quello che c’è da sapere per non arrivare impreparati.

I numeri:
70.000, tanti sono i biglietti venduti fin’ora ad altrettanti fans che assisteranno al concerto di Madonna. Partito il 21 maggio da Los Angleles, il Confession Tour farà tappa nella capitale domenica 6 agosto per concludersi a settembre a Tokio.

Le foto dei concerti tenuti dalla star nelle capitali americane preannunciano uno spettacolo unico, come solo la queen of pop potrebbe regalare al suo pubblico.

I numeri danno un’idea della grandiosità dell’evento: 1000 le persone coinvolte nello spettacolo tra addetti alla sicurezza, operatori, facchini. 22 i ballerini ( di cui 11 acrobati), 7 costumi (gli stilisti sono Jean Paul Gaultier e Arianne Phillips) che la popstar cambierà aiutata da 4 persone. 8 paia di scarpe e stivali, 3 acconciature, 4mila cristalli Swarovsky. Ci saranno inoltre 15 linee di potenza da 400 ampere, e 4.500 chilowatt totali di consumo, l’equivalente dell’alimentazione elettrica di 1.500 appartamenti. La produzione avrà a disposizione 80 linee telefoniche e 130 computer, che lavoreranno in Internet contemporaneamente. (in foto: i preparativi allo stadio Olimpico)

I capricci:
Mentre lo staff arriverà a Roma già questa sera (compreso il personal trainer di Pilate e il fisioterapista), la famiglia Ritchie è attesa per sabato: Madonna atterrerà insieme al marito Guy e ai figli, Maria Lourdes e Rocco, e alloggerà in uno splendido albergo del centro storico. Vita difficile per il personale della struttura. Tutte le richieste e i capricci della diva dovranno essere soddisfatti, ad iniziare da quella stramba richiesta di un water nuovo ogni giorno. Più semplice da soddisfare la richiesta di rose bianche fresche che giornalmente decoreranno la suite di Maddie, così come l’interdizione alle sigarette dentro il grande backstage.

Lo stadio olimpico:

Suddiviso in due tribune (“Monte Mario” e “Tevere”), una curva (la nord) e il grande prato, la struttura sportiva si appresta ad ospitare un evento più simile ad un gay pride che ad un concerto. Più volte teatro di famosi concerti e di grandi eventi, lo stadio è in grado di ospitare 80.000 persone.

Scaletta e orari:
21 brani e niente bis. Il programma prevede l’esecuzione delle 12 canzoni contenute nell’ultimo album “Confessions on a Dance Floor” più alcuni brani degli album passati fra cui “Ray of light”, una versione remixata di “Music” con “Disco Inferno”, e “Erotica”. “Hung up”, il primo singolo di Confessions chiuderà il concerto.

Ecco la scaletta dettagliata:
Future loversI feel love
Get together
Like a virgin
Jump
Live to tell interlude
Live to tell
Forbidden love
Isaac
Sorry
Like it or not
Sorry interlude
I love New York
Ray of light
Let it will be
Drowned world
Paradise not for me
Music inferno
Erotica (You trhill me)
La isla bonita
Lucky star
Hung up

I cancelli apriranno alle ore 16 seppur non sia escluso che l’apertura venga anticipata per permettere il deflusso delle persone verso l’interno. L’evento inizierà alle ore 20:00 con la performance di un dj internazionale mentre, scongiurando ritardi vari della diva, il concerto vero e proprio dovrebbe iniziare alle 21:30 per concludersi alle 23:30.

Il palco:

La regia dello show è affidata ancora una volta a Jamie King mentre Stuart Price ne sarà il musical director. Madgie si esibirà su un enorme palco centrale dal quale partirà una lunga passerella che si estenderà fino al centro del prato dell’Olimpico. Due passerelle saranno allestite lateralmente e andranno a sfiorare le due tribune numerate, la “Monte Mario” e la “Tevere”. Le canzoni, i balletti e le performances varie avranno luogo equamente lungo queste tre estensioni. Per sapere a quali esibizioni assisterete da vicino, in foto la mappa che suddivide l’esecuzione dei brani a seconda delle passerelle.

Foto e video:
I sequestri in corrispondenza di manifestazioni come queste sono molto severi nonostante la mole impressionante di persone. Il consiglio in questi casi è di non portare la telecamera a meno che non amiate il rischio estremo e vogliate farvi cattivo sangue durante tutto il concerto. La macchina fotografica rischia di essere sequestrata a meno che non la riponiate sotto i panini, magari mimetizzata.

Come arrivare:
L’indirizzo dello Stadio Olimpico è Via dei Gladiatori, 1.
La metropolitana non arriva fino allo

Continua in seconda pagina^d

Come arrivare:
L’indirizzo dello Stadio Olimpico è Via dei Gladiatori, 1.
La metropolitana non arriva fino allo stadio. Potete comunque prendere la metro A e scendere alla stazione Flaminio/Piazza del Popolo. Da lì prendete il tram 2 in direzione Piazza Mancini, e scendete al capolinea. Ricordate inoltre che la metro A chiude alle 21.00 a causa di lavori. Ci sono comunque i bus sostitutivi MA1 e MA2. La stazione Manzoni, invece, rimane chiusa per tutto il giorno. Funziona regolarmente la metro B che chiuderà come di consueto alle 23.30.

Per chi arriva in autobus può calcolare il proprio percorso sul sito www.atac.roma.it. Inserite la via di partenza e quella di arrivo, il sito penserà a tempi, distanze, coincidenze. Dalla Stazione Termini il numero dell’autobus che vi porta più vicino allo stadio è il 910, mentre dalla stazione di Ottaviano è possibile prendere il 32 che porta proprio di fronte allo stadio.

I coraggiosi che decideranno di andare con la propria auto devono tenere presente che nel giro di un chilometro dallo stadio, prima di un’ora dall’inizio e dopo la fine del concerto, è praticamente impossibile circolare. La domenica non si paga il parcheggio e c’è n’è uno molto esteso a 50 metri dall’Olimpico (intorno al Ministero degli Esteri), ma dovrete offrire un “obolo” ai parcheggiatori abusivi che regnano in quella zona incontrastati.

In treno è possibile scendere alla stazione Termini e, come detto sopra, potete prendere l’autobus 910. Se scendete in un’altra stazione dovrete informarvi sul sito dell’Atac quale autobus arriva fino allo stadio. Ecco gli indirizzi delle principali stazioni ferroviarie:
Stazione Termini: Piazza dei Cinquecento
Stazione Tiburtina: Piazzale della Stazione Tiburtina
Stazione Ostiense: Piazzale dei Partigiani

Le critiche del Vaticano:

Sebbene la popstar (definizione che Madonna odia) italoamericana abbia chiamato sua figlia Lourdes per scusarsi degli scandali che hanno segnato la sua carriera, si mostrerà ai suoi fan in un’esibizionione a dir poco profana cantando la canzone “Live To Tell” legata ad un crocifisso, proprio come Cristo. Nei giorni scorsi le gerarchie hanno alzato la loro voce contro la performance ma senza ottenere alcun risultato.

Gadget e Aste on line:

Il web impazza di offerte: gente che vende il proprio biglietto per qualsiasi settore dello stadio, gadgets (non ufficiali) che ritraggono Madonna su magliette, tazze e addirittura matrioske. Sul sito ufficiale è invece possibile acquistare il frustino con la quale la popstar è stata ritratta da Vanity Fair in versione cavallerizza, oltre che le magliette con una grossa croce in rilievo con tanto di Madonna crocifissa.

Le feste nella capitale:
Numerosi gli eventi in concomitanza del concerto. Le discoteche romane hanno organizzato party, dj set, performance, tutte dedicati alla queen of pop. Se cercate l’ufficialità allora vi consigliamo di andare alla discoteca “Lost and Found” (Via dei Sabelli – 06/4957010) che per stasera ha in programma il “Madonna: a celebration in Rome”, in collaborazione con la casa discografica della cantante, la Warner Music.

Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Musica.

di Daniele Nardini