Taylor Swift e il suo nuovo album “Lover”, irresistibilmente fiabesco

Taylor Swift rilascia il suo settimo album, il suo disco più positivo e personale, tutto ciò che secondo lei è l’amore, dagli aspetti più gioiosi a quelli più dolorosi.

A poco meno di due anni dall’uscita dell’intenso “Reputation“, Taylor Swift pubblica oggi il suo settimo disco di studio, “Lover“, che prima della sua uscita ufficiale ha già ammassato la bellezza di 1 milione di prevendite!

Album molto più luminoso e positivo rispetto al dark e ‘negativo’ (diciamolo da subito, migliore) “Reputation“, “Lover” è la quintessenza di ciò che Taylor Swift intende come amore, dalle parti più gioiose a quelle più dolorose:

Lover è una lettera d’amore all’amore stesso, in tutta la sua gloria esasperante, passionale, eccitante, incantevole, orribile, tragica, meravigliosa.”

Dopo un disco dalle sonorità, testi e visuals più cupe come “Reputation“, ispirato ad un periodo molto negativo della sua vita, che a Taylor serviva per liberarsi del male e della rabbia accumulata, l’artista americana è come rinata, e ha detto ad Entertainment Weekly:

“Mi sento più a mio agio, e sono abbastanza coraggiosa da essere vulnerabile come non lo sono mai stata perché i miei fan sono abbastanza coraggiosi da essere vulnerabili con me. Una volta che le persone approfondiranno questo album, penso si capirà che questo disco è il viaggio più personale che io abbia mai fatto.”

Lover: 18 canzoni e 4 Deluxe Versions!

Taylor Swift Lover album cover completa

Certo…dai singoli “ME!“, il più colorato, frizzante e “pop” dei brani che abbia mai realizzato, e “You Need to Calm Down“, un vero e proprio inno LGBT+, non sembrerebbe proprio voler comunicare questo aspetto intimistico ma, effettivamente, nel disco ci sono momenti più riflessivi.

Ti suggeriamo anche  Ian McKellen sarà nel cast della versione cinematografica di Cats

Per testimoniare la sua totale trasparenza e l’impronta più ‘vera’ di questo disco, Taylor ha fatto rilegare e stampare i suoi veri diari, da quando aveva 13 anni ad oggi, e li ha fatti inserire nelle ben 4 differenti Deluxe Versions dell’album in esclusiva per Target.

Una mossa di marketing geniale, che sicuramente rende il progetto più veritiero (per quanto sia possibile) e aumenta le chances di far vendere al disco ancora più copie di quante già ne venderà.

Taylor, di recente sempre più sostenitrice dei diritti LGBT+, è una delle pochissime artiste, infatti, che possono ancora vendere più di 3 milioni di copie a disco e detiene il record per aver debuttato con al #1 in USA con 4 dischi consecutivi da un milione di copie vendute ciascuno nella prima settimana.

E questo nuovo album potrebbe essere il quinto!

L’amore secondo Taylor Swift, a base di synth-pop e ballads pop-country

Lover” è un album piacevole, ben scritto e ben prodotto, che spazia dal synth-pop, con sfumature più contemporanee ad altre più retrò, a ballad pop-country, reminescenti dei suoi primi 4 dischi.

I singoli “ME!” e “You Need to Calm Down” (entrambi #2 nella Billboard Hot 100) sono entrambi ottimi esempi di quello che ci si può aspettare dalla settima fatica discografica della Swift, seppure i migliori brani siano quelli meno zuccherosi.

Canzoni come “Cruel Summer” e “I Think He Knows” sono deliziose e divertenti, ma la title track e “The Archer“, che Taylor Swift ha recentemente rilasciato come singoli promozionali, sono senz’altro tra i migliori pezzi nel disco.

Ti suggeriamo anche  Egitto, due manifestanti LGBT liberi su cauzione

In particolare “Lover“, la cui uscita del romanticissimo video (che potete vedere qui sotto) combacia proprio con quella del disco (altra mossa geniale).

Quel tipo di canzoni magiche ed autentiche, irresistibilmente fiabesche, in cui la Swift riesce a comunicare davvero al meglio il suo talento come songwriter, forse anche perché riecheggianti delle sue origini.

L’emozione e la vulnerabilità arrivano al picco massimo con “Soon You’ll Get Better“, che la cantante ha realizzato in collaborazione con le Dixie Chicks, famosissimo gruppo femminile country americano.

Il brano, descritto da Taylor Swift come la canzone dell’album che ha faticato maggiormente a scrivere e che non riesce ancora cantare live, parla della battaglia di sua madre contro il cancro.

Una canzone che, vista la sua delicatezza, non era scontato che finisse sul disco ma che assieme alla famiglia hanno deciso di inserire perché “ne vanno fieri”.

Ma il pezzo che Taylor definisce la sua preferita dell’intero progetto, sicuramente una delle highlights, è “Cornelia’s Street“, un pezzo emblematico e sul quale non ha ancora rivelato niente.

Chiude il disco la rilassante e positiva “Daylight“, che inizialmente avrebbe dovuto dare nome all’album.

Taylor Swift inciderà nuovamente i suoi primi 5 album

Taylor Swift LGBT+

Lover” è meno immediato di “1989” e non accattivante come “Reputation“, nel complesso convince e cattura meno, ma proprio per questo suo essere un po’ meno “in-the-face” è sinonimo di maggior vulnerabilità e, sì, anche più autenticità.

Ti suggeriamo anche  Movimento 5 Stelle e diritti LGBT: la fine delle bugie non è ancora arrivata

Il disco è la sua prima uscita con la Republic Records, dopo aver lasciato l’etichetta Big Machine nel novembre 2018.

A seguito di uno scontro con il suo ex discografico Scooter Braun, la cantante ha dovuto vendere tutti i diritti dei suoi primi 5 album e, successivamente, ha deciso di volerli rincidere tutti, per poter avere un maggiore controllo futuro sulle sue stesse creazioni.

Al riguardo, nel party di lancio esclusivo andato in onda su Youtube in streaming, Taylor Swift si è rivolta a chi desidera fare musica e li ha invitati a farsi coinvolgere di più nel processo creativo, provando a scrivere testi propri e a difendere, sempre e comunque, i propri diritti e le proprie canzoni.

Alla soglia dei 30 anni, Taylor Swift ci offre una maturità artistica diversa da come la possiamo vedere di solito.

Invece di rendersi più sobria, quello che ci si aspetterebbe maggiormente in questi casi, Taylor ci offre una versione più matura di sé, colorandola ed inzuppandola nei colori arcobaleno e rivivendo i sogni e le ansie della 13enne che è in lei.

Forse “Lover” non è il suo miglior lavoro, anche se risulterà migliore con più ascolti, ma tutte le caratteristiche che l’hanno resa famosa, e per le quali in molti la amano e acquistano i suoi dischi, si riconfermano tali.

É sicuro: sarà un altro successone.