“Ur so gay”, ovvero: come vendicarsi dell’ex

Una ragazza americana ha messo in rete un proprio brano in cui accusa il ragazzo di avere modi troppo metrosexual. E una casa discografica si è accorta di lei. A giugno nei negozi.

Il nuovo malcostume in fatto di coppie è la gogna online. Navigando nel mare magnum della rete internet accade di trovare filmini hard amatoriali con le prodezze di lui (di solito il carnefice) e le "fatiche" di lei (solitamente la vittima). I motivi possono essere i più vari: si va dal tradimento alla fine della storia vera e propria. E nel caso dei filmini il risultato è doppio, per lui si intende: oltra alla vendetta si raggiunge la soddisfazione di aver mostrato a tutti le propri capacità.

Katy Perry, una ragazza di Los Angeles, ha deciso di gustarsi la propria personale vendetta verso il suo ex copevole di averla mollata. Ma lo ha fatto in modo originale. In rete non ha pubblicato un filmino ma un brano musicale. E il titolo è piuttosto esplicativo: "Ur so gay", letteralmente "Sei così gay". La frase clou del testo recita: "Sei così gay, e neanche ti piacciono i ragazzi" riferendosi ai modi metrosexual e effeminati della vittima.

Il risultato raggiunto, anche in questo caso, è stato doppio: oltre la vendetta, infatti, Katy Perry si è conquistata la scritturazione da parte della casa discografica Capitol Records e a giungo verrà messo in commercio il brano in questione. Non male per chi sperava in una semplice vendetta tra amici e conoscenti.

Ascolta "Ur so gay"

LEGGI ANCHE

Musica

Il Regno Unito ha deciso quale tra le Spice Girls...

Alla fatidica domanda hanno risposto oltre 30mila inglesi.

di Gianluca Pellizzoni | 10 Aprile 2018

Curiosità

Justin Bieber: il cantante canadese compie 24 anni

Justin Bieber si fa grande: ecco una gallery con i momenti piu' belli e divertenti da quando e' famoso.

di Alessandro Bovo | 1 Marzo 2018

Storie

Ci ha fatto ballare con i suoi remix e ora...

Il giovane dj e produttore era arrivato in cima nel 2015 con la cover di 'Ain't nobody' (loves me better).

di Gianluca Pellizzoni | 28 Febbraio 2018