Valerio Scanu: “Io, Maria, Milly, il sesso, l’Isola e il canna-gate!”

“Io sono uno di quelli che se la lega al dito, ma anche uno che sa aspettare. A tempo debito, restituisco sempre il regalo, anche con gli interessi!”

Valerio Scanu dice che nei suoi ultimi lavori c’è tutto di lui. E ascoltando ‘Ed io‘, il nuovo singolo scritto da Tony Maiello e Simonetta Spiri, non faccio troppa fatica a crederlo. Stavolta, però, ad accompagnare l’uscita di un nuovo lavoro già ai primi posti di tutte le classifiche digitali, è arrivata anche la sua (seconda) biografia ufficiale. Un racconto sin troppo sincero, a tratti spietato, dove il ventisettenne sardo si è messo a nudo in ventisei capitoli divisi in ordine alfabetico che non lasciano spazio a grossi dubbi e perplessità. E per parlare del nuovo disco, del libro, dei talent, del rapporto con Maria, della querelle con la Lucarelli, delle Radio, di Milly Carlucci e del “canna-gate honduregno” abbiamo diviso, anche noi, un’intervista a capitoli: dalla A alla Z.

A, come Amici, ma anche come amore. Di te e del tuo privato, in fondo, non si è mai saputo nulla..

In questo preciso momento della mia vita posso solamente dirti che sto molto bene. Ma di quello che prova il mio cuore, al momento, preferisco non parlare.

B come Ballando. Qualcuno si sta chiedendo come mai non sei nel cast della trasmissione di Rai 1…

Quest’anno non abbiamo raggiunto il compromesso, ma di certo non per colpa di Milly, anzi. Io e lei siamo in ottimi rapporti. È una persona meravigliosa oltre che una grandissima professionista. Mi ha persino telefonato, dopo la prima puntata, per dirmi che era molto dispiaciuta di non avermi lì con lei. Chi altro lo farebbe? Magari andrò a trovarla una di queste sere. Chissà..

E di chi è la colpa se non avete raggiunto il compromesso?

Del periodo e degli impegni lavorativi presi.

C come cantante. Non hai paura che tutta la Tv fatta possa aver inquinato la tua carriera musicale?

No, assolutamente. Quando giro per la strada, non sai quanta gente mi domanda: “ma perché non ti vediamo più in Tv?”. In Italia c’è sempre una sorta di pregiudizio latente. Come se fare Tv possa compromettere il talento di una persona. Suvvia.

Ti suggeriamo anche  Silvia Salemi: "Tutti pensavano che fossi lesbica"

D come dolore. C’è qualcosa che ti fa stare male?

La perdita degli affetti più cari. Mai nessun dolore sarà paragonabile a quello di una perdita.

E, come Ed io, il tuo nuovo singolo.

È un brano che mi è stato regalato da Tony Maiello e Simonetta Spiri. E questo nuovo singolo è l’anteprima di un progetto musicale al quale sto lavorando e che uscirà prossimamente. 

F come Festival. Pensi che per un artista coraggioso come te, che ha fatto dell’indipendenza la sua cifra, ci sarà una terza occasione?

Questo andrebbe chiesto a chi dirigerà i prossimi Festival. Io personalmente me lo auguro.

Baglioni, ad esempio, non ha aperto le porte agli indipendenti, o sbaglio?

Non sbagli, ma è pur vero che questo è stato il suo primo Festival. 

G come gay. Negli anni è cambiato molto il tuo rapporto con il mondo lgbt, o sbaglio?

È cambiato, quello sì, ma non so dirti se tanto o poco. L’esperienza televisiva a Tale & Quale Show  mi ha sicuramente aiutato a farmi capire, ed apprezzare, come artista. Poi c’è da dire che non sono mai stato capito..

In che senso?

Se io ad un’intervista sostengo che non credo nei matrimoni, tu non puoi scrivere: “Valerio Scanu contro le unioni gay!”. Ho smentito, ma poi succede sempre che quando lo fai è un po’ come se ribadissi il concetto sbagliato due volte. 

H come Honduras. Ripensi mai alla tua esperienza su quell’Isola lì?

Sì, spessissimo. Non la rinnego, ma delle volte mi dico: “che coraggio che ho avuto!”.

Tornassi indietro la rifaresti?

Se tornassi indietro, non avendola ancora fatta, molto probabilmente direi di sì. Avendola fatta e avendola vissuta intensamente, oggi, non ci penserei due volte a dire di no. 

La stai seguendo quest’anno?

Ti suggeriamo anche  Lucas Peracchi: "Le mie insicurezze, le avance, le strane richieste e certi DM.."

Ti dirò: molto più degli altri anni.

Rocco Siffredi, tuo compagno d’avventura in quell’edizione, ha detto di aver visto anche lui ‘canne e cannoni’. Tu, visto che nel nuovo libro garantisci verità assolute, le hai mai viste nella tua Isola?

Io vedo sempre tutto! C’è da dire che nella mia edizione il tutto iniziava con lo sbarco sull’Isola, e non prima come quest’anno. Quando poi è iniziato il gioco, nella mia edizione, non ho più visto nulla, ma non chiedermi di più. 

I come imprenditore. Possiamo parlare di un piano B?

Non parlerei di un vero e proprio piano B, anzi. La verità è che mi piace creare ed investire. Mi alzo sempre prestissimo per seguire in prima persona le mie attività e per far si che tutto vada per il verso giusto. Mi piace essere di supporto a tutti i ragazzi che lavorano con e per me, garantendo loro tutto il necessario per lavorare bene e in assoluta serenità. 

L come livore. Sfogliando il tuo nuovo libro mi è sembrato un sentimento che vive dentro di te..

Beh, dipende. Mettiamola così: io sono uno di quelli che se la lega al dito, ma anche uno che sa aspettare. A tempo debito, restituisco sempre il regalo, e a volte anche con gli interessi!

M come Maria. Non hai mai pensato in tutto questo periodo, e dopo certe dichiarazioni uscite sui giornali: “ma chi diavolo me l’ha fatto fare?

No, assolutamente. Non rinnegherò mai la mia sincerità, nel bene e nel male. 

N come nemici. Negli anni nei hai collezionati tanti, non trovi?

Come si dice in questi casi: “molti nemici, molto onore!”. Anche se spesso tendo a fare pace con le persone con cui, in passato, ho avuto dei problemi.

Parli della Lucarelli?

Sì, ma non solo! Ora, ad esempio, con Selvaggia ho chiarito e siamo in buonissimi rapporti. Avendo entrambi dei caratteri molto forti, non è stato difficile arrivare allo scontro.

Ti suggeriamo anche  Francesco Gabbani: "L'album, i talent, Selvaggia Lucarelli e le mie doti nascoste"

Quindi hai ritirato le famose querele?

(Ride, ndr) Non ne sono così sicuro, a dire il vero. Devo verificare.

P come paura. Cos’è che spaventa un ragazzo di ventisette anni che sembra abbia vissuto, viste le tante cose fatte, almeno tre vite?

Una delle mie paure è sicuramente quella di non vedere realizzati i miei progetti lavorativi, per i quali sudo e fatico ogni giorno. 

La precarietà non ti fa paura? 

Non particolarmente, altrimenti avrei scelto di fare un altro tipo di lavoro.

R come Radio. Hai fatto pace con quel mondo lì?

Ma io non ho mai discusso con le Radio! Ho solo espresso il mio pensiero: o cambia il sistema, o non si va avanti.

S come Sesso. Tu come vivi la tua sessualità?

Il sesso è una cosa molto intima e non mi piace raccontare quello che faccio sotto le lenzuola. Posso solo dirti che sono più per i fatti, che per le parole. Chi parla troppo di sesso, o comunque millanta strane posizioni e prestazioni da dieci e lode, il più delle volte non quaglia mai.

T come tradimenti. Nella vita sei stato più traditore o più vittima?

Ho tradito. È capitato. Non ho mai tradito, invece, i miei amici. Forse loro hanno fatto qualche torto a me.

U come umiltà. Si sa: il successo non sempre fa bene. Negli anni, vista la tanta popolarità, hai mai avuto il delirio di onnipotenza?

No, mai! Non mi sono mai sentito onnipotente, così come non mi sono mai sentito una persona arrivata. Forse stai parlando di un’altra persona, ma non chiedermi di fare il nome perché rischierei un’ennesima querela.

V come vittoria. Sanremo, nel 2010, e poi quella a Tale & Quale Show..

Mi credi se ti dico che ne vado fiero? Sono state delle vittorie sudate e meritate, a partire da quella a Tale & Quale Show.

Z come zemmifobia. È vero che hai il terrore dei topi?

No, assolutamente.