Brendan Maclean invita a darci “hugs” piuttosto che prendere “drugs”

Il cantautore australiano, gay dichiarato, rilascia il video di quella che potrebbe essere l’inno LGBT per l’estate 2016

Brendan Maclean, cantautore/attore australiano gay dichiarato, ha appena rilasciato il video per una delle canzoni che si candida ad essere inno LGBT per l’estate 2016: Hugs Not Drugs (Or Both).

brendan_maclean_mezzo_nudo

A proposito del brano, tradotto in “Abbracci e non droghe” (in inglese, ovviamente, hugs rima con drugs mentre in italiano no), e del video, dove c’è un gruppo di amici e artisti queer in una camera di hotel che si stanno divertendo, Brendan Maclean racconta:

“Non è che ogni sceneggiatura con un personaggio gay debba per forza prevedere la morte per AIDS o il sesso. Si può anche essere amici, e va bene. Il messaggio che sta dietro Hugs Not Drugs è che siamo adulti consenzienti, dobbiamo solo prenderci più cura di noi stessi e degli altri. Per la prima volta credo di aver fatto una canzone che sia degna di essere ricordata, a differenza delle mie precedenti”.

brendan_maclean_pacco

Se le classifiche non fossero  tempestate solo di brani di Rihanna, Taylor Swift o Justin Bieber la risposta sarebbe, sicuramente, un sì.

Voi cosa ne pensate, TOP or not?

Ti suggeriamo anche  Senatore australiano, 'i gay sono sessualmente deviati, pervertiti e pedofili'
Storie

Milano Pride 2020: un ALTRO PRIDE nella forma ma non nella sostanza

L’edizione 2020 di Milano Pride sarà contraddistinta da un programma di eventi virtuale che contribuirà attivamente alla ripresa della città con un’attività di fundraising.

di Federico Boni