Brendan Maclean invita a darci “hugs” piuttosto che prendere “drugs”

Il cantautore australiano, gay dichiarato, rilascia il video di quella che potrebbe essere l’inno LGBT per l’estate 2016

Brendan Maclean, cantautore/attore australiano gay dichiarato, ha appena rilasciato il video per una delle canzoni che si candida ad essere inno LGBT per l’estate 2016: Hugs Not Drugs (Or Both).

brendan_maclean_mezzo_nudo

A proposito del brano, tradotto in “Abbracci e non droghe” (in inglese, ovviamente, hugs rima con drugs mentre in italiano no), e del video, dove c’è un gruppo di amici e artisti queer in una camera di hotel che si stanno divertendo, Brendan Maclean racconta:

“Non è che ogni sceneggiatura con un personaggio gay debba per forza prevedere la morte per AIDS o il sesso. Si può anche essere amici, e va bene. Il messaggio che sta dietro Hugs Not Drugs è che siamo adulti consenzienti, dobbiamo solo prenderci più cura di noi stessi e degli altri. Per la prima volta credo di aver fatto una canzone che sia degna di essere ricordata, a differenza delle mie precedenti”.

brendan_maclean_pacco

Se le classifiche non fossero  tempestate solo di brani di Rihanna, Taylor Swift o Justin Bieber la risposta sarebbe, sicuramente, un sì.

Voi cosa ne pensate, TOP or not?

Ti suggeriamo anche  Ariana Grande protagonista del Manchester Pride 2019