Eurovision Song Contest 2015: i semifinalisti (parte 1)

Ecco a voi le sedici nazioni della prima semifinale Eurovision 2015

Continuano i nostri approfondimenti riguardo l’imminente Eurovision Song Contest 2015, dopo avervi anticipato che l’Italia, rappresentata dai tenori de Il Volo, accederà direttamente alla finale del 23 Maggio, diamo un’occhiata ai talenti del primo gruppo di semifinalisti:

(Nel video a inizio pagina, un mash-up di tutti i brani indicati di seguito)
Moldavia – Eduard Romanyuta, I Want Your Love
Armenia – Geneaology, Face The Shadow
Belgio – Loïc Nottet, Rhythm Inside
Norvegia – Trijntje Oosterhuis, Walk Along
Finlandia – Pertti Kurikan Nimipäivät, Aina Mun Pitää
Grecia – Maria Elena Kyriakou, One Last Breath
Estonia – Elina Born & Stig Rästa, Goodbye To Yesterday
Macedonia – Daniel Kajmakoski, Autumn Leaves
Serbia – Bojana Stamenov, Beauty Never Lies
Ungheria – Boggie, Wars For Nothing
Bielorussia – Uzari&Maimuna, Time
Russia – Polina Gagarina, A Million Voices
Danimarca – Anti Social Media, The Way You Are
Albania – Elhaida Dani, I’m Alive
Romania – Voltaj, De La Capat/ All Over Again
Georgia – Nina Sublatti, Warrior

Questi sono dunque i performer che si sfideranno a Vienna durante la prima semifinale del 19 Maggio! Che ve ne pare? La selezione di quest’anno sembra ottima, sarà di certo una sfida agguerrita!

E il secondo gruppo di semifinalisti? Per scoprirlo non vi resta che visitare gay.it anche domani!

#eurovision

LEGGI ANCHE

Musica

Eurovision 2019, Mahmood rappresenterà l’Italia: è ufficiale

Vinto Sanremo 2019, Mahmood ha ufficializzato la sua partecipazione all'Eurovision di Tel Aviv. Con la canzone "Soldi".

di Federico Boni | 12 Febbraio 2019

Storie

“Non sei abbastanza omosessuale”: Vienna rimpatria ragazzo gay afgano

Sono molti gli indizi contro il giovane, indizi basati solamente su degli stereotipi.

di Alessandro Bovo | 16 Agosto 2018

Storie

Turchia conferma il no suo all’Eurovision: ‘come possiamo mandare in...

La tv di Stato turca all'attacco dell'Eurovision.

di Federico Boni | 6 Agosto 2018