Laura Pausini in Russia sfida l’omofobia: “L’amore è uno solo”

Messaggio contro l’omofobia nella terra della legge contro la propaganda gay. Guardatelo.

Laura Pausini non delude mai quando si tratta di uguaglianza e nei suoi concerti non mancano mai messaggi a sostegno della comunità lgbt. È stato così anche lo scorso 17 febbraio quando l’artista si è esibita in Russia, non certo un paese gay friendly. Secondo voi, le leggi contro la “propaganda gay” saranno riuscite a ferma la nostra Laura Nazionale?
La risposta è: assolutamente no. Durante il concerto a Mosca, Laura Pausini si è lasciata andare con delle frasi velate (ma neanche tanto) per parlare proprio di amore: amore in tutte le sue forme.

Prima di cantare il suo successo “Prendo te”, la cantante ha raccontato un aneddoto sul brano e ha così concluso: “Quando io scrivo una canzone d’amore, penso che l’amore è per tutti. L’amore è uno solo, punto“.

Ti suggeriamo anche  Mondiali di calcio, 4 russi su 10 pensano che i tifosi LGBT verranno attaccati